Le prove per la 6 Ore di Spa Francorchamps del WEC sono cominciate con un primo serio incidente, causato anche per la pioggia alla Toyota TS040 n.1 guidata in quel momento da Kazuki Nakajima. Il pilota giapponese (in equipaggio con Anthony Davidson e Sebastien Buemi) ha tamponato l'Audi n.8 che in quel momento precedeva lentamente lungo il rettilineo di Kemmel con Oliver Jarvis al volante. Nell'impatto la macchina è stata seriamente danneggiata, ma soprattutto al pilota che lamentava mal di schiena è stata poi riscontrata la frattura di una vertebra. Ulteriori analisi mediche sono in corso, ma ovviamente per lui la gara è saltata. La Toyota n.1 è rimasta danneggiata, ma dovrebbe essere riparata in tempo per le qualifiche e proseguirà con i soli Davidson e Buemi, dopo aver giocoforza saltato la seconda sessione di prove. Nella prima proprio la LMP1 giapponese era stata sopravanzata dalla Porsche 919 n.18 di Dumas-Jani-Lieb, mentre nel secondo turno (sempre bagnato) la più veloce è stata la Porsche n.19 di Hulkenberg-Bamber-Tandy. In entrambe le sessioni il nostro Marco Bonanomi è risultato 5°, sull'Audi R18 n.9 che divide con Albuquerque e Rast. Fra le GTE, hanno primeggiato rispettivamente Muller-Estre con la Porsche 911 n.91 e poi Makowiecki-Lietz sulla gemella n.92, mentre nelle due sessioni si sono classificati terzi e quarti Bruni-Vilander, nonché due volte sesti sesti Rigon-Calado, entrambi gli equipaggi con le Ferrari 458. Bene, fra i vari italiani presenti, anche Roda-Ruberti-Pulsen, sesti e secondi in GTE Am. Maurizio Voltini

Guarda la fotogallery