Il WEC ha pubblicato il calendario provvisorio per la stagione 2021. Sono 6 gli appuntamenti previsti, che si svolgeranno tra marzo e novembre sui circuiti del Nord America, Europa, Asia e Medio Oriente, compresa la corsa più affascinante tra tutte, la 24 Ore di Le Mans.

Si comincia con i test pre-stagionali di Sebring, a metà marzo, prologo che precede di una settimana lo start della prima gara dell’anno proprio sulla pista della Florida.

A Maggio si vola in Belgio, per la 6 ore di Spa, evento che precede la 24 Ore di Le Mans fissata per giugno. Poi, ottime notizie per il motorsport Tricolore, con Monza che entra nel calendario come appuntamento fissato a luglio. Infine, le ultime due gare sono programmate a Settembre, al Fuji e in Bahrain per il gran finale.

Certo, il calendario potrebbe cambiare a seconda dell’evolversi della pandemia, ma c’è fiducia da parte di tutti che la stagione prossima possa ripartire nel segno della normalità.

Il calendario porvvisorio del 2021

13-14 marzo Test pre-stagione Sebring
19 marzo 1000 Miglia di Sebring
1 maggio 6 Ore di Spa
12-13 giugno 24 Ore di Le Mans
18 luglio 6 Ore di Monza
26 settembre 6 Ore del Fuji
20 novembre 6 Ore del Bahrain

Le dichiarazioni

Pierre Fillon, Presidente dell'Automobile Club de l'Ouest (ACO) ha commentato: “Per dare il benvenuto alla nostra nuova categoria top, le Hypercar, avevamo bisogno di un calendario che stabilisse ritmo parametri di riferimento. Nonostante le attuali e difficili circostanze, è chiaro che questa nona stagione del FIA World Endurance Championship è più che promettente”.

Richard Mille, Presidente della FIA Endurance Commission, ha dichiarato: "Il fatto che il giorno prima della 24 Ore di Le Mans del 2020 venga annunciato il calendario ??del prossimo anno è molto soddisfacente. Devo ammettere che il promotore ha fatto un lavoro incredibile e il calendario con 6 gare è una soluzione ottimale nell'attuale clima economico. Sarà più conveniente per i team rispetto alla solita stagione di otto round, mantenendo allo stesso tempo le iconiche gare in diversi continenti che conferiscono al WEC il suo carattere unico. Inoltre, contro ogni previsione, il campionato prosegue con l'aggiunta di un altro luogo entusiasmante. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo anno e l'annuncio di oggi è la prima indicazione di una stagione 2021 di successo per il Campionato del Mondo Endurance”.

Gérard Neveu, CEO del WEC, ha aggiunto: “Abbiamo ascoltato i nostri Costruttori, team e partner e abbiamo risposto con un calendario con meno eventi rispetto al passato, per consentire loro di affrontare l'attuale crisi economica. Torneremo ad aumentare il numero di gare in futuro, se e quando la situazione sanitaria ed economica ci consentiranno di farlo, si spera dal 2022 in poi. Il calendario tiene anche conto della nostra road map logistica, in quanto fornisce ai nostri team il pacchetto più conveniente possibile”.