NURBURGRING - Opening Race. Allo spegnimento del semaforo é la Honda Civic di Tiago Monteiro a prendere la testa della gara, seguito dalla Citroen C-Elysée di Mehdi Bennani e dalla Volvo S60 di Thed Bjork. La partenza della Lada Vesta di Catsburg non è stata efficace, mentre al contrario sono state le due Citroen ufficiali di Yvan Muller e José María López le autrici del miglior scatto. Una volta arrivati nel Nordschleife Bjork é poi riuscito a passare Bennani, che poi pian piano é stato scavalcato da tutti. Una volta terminato il primo passaggio sono arrivati i colpi di scena della sosta ai box della Volvo in seconda posizione e della Chevrolet Cruze di John Filippi. Per entrambi é il ritiro.

Ma é il terzo ed ultimo passaggio quello chiave, con con Chilton e López autori di sorpasso e controsorpasso... e questo ha cambiato la storia della gara in quanto ha fatto perdere all'argentino il contatto dei due in testa. Nel Nordschleife prima scoppia una gomma a Tom Coronel, comodamente quinto, che quindi termina la sua gara contro il guardrail ad esterno curva. Poi qualche chilometro dopo succede la stessa cosa a Tiago Monteiro, che sbatte e viene preso in pieno da Yavn Muller. Ritiro per entrambi e così López, che aveva perso contatto per la battaglia con Chilton, riesce ad evitarli e ad andare a conquistare il successo davanti a Chilton e Norbert Michelisz.

Da notare la grande rimonta di Rob Huff, capace di recuperare dalla sedicesima posizione in griglia (sostituzione del motore dopo le libere) fino alla quarta sotto la bandiera a scacchi, seguito da Bennani e dalle Lada di Hugo Valente e Gabriele Tarquini.Ottavo Fredrik Ekblom, che con la seconda Volvo é stato anche lui autore di una bella rimonta dalla diciasettesima ed ultima piazzola in griglia al via.

Main Race. I grandi botti di Gara 1 si fanno sentire e Monteiro, Muller e Coronel sono costretti a rinunciare alla seconda gara (anche per via del poco tempo tra le due corse, svolte nella mattinata di sabato prima del via della 24 Ore), riducendo a sole 14 macchine la griglia di partenza. Una buona partenza permettere a Norbert Michelisz di superare il poleman José María López arrivando alla prima staccata, ma dopo poche curve arriva all'esterno la risposta del campione in carica, che da quel momento diventa irraggiungibile per tutti.

Selfie di Coronel dopo la bandiera a scacchi: 5 mila euro di multa

Il primo giro del Nordschleife dà poche emozioni e bisogna aspettare il passaggio sul traguardo per vedere il sorpasso di Fredrik Ekblom a Hugo Valente. Qualche istante dopo il suo compagno di squadra Thed Bjork fa lo stesso su Sabine Schmitz nella sua rimonta dal fondo della griglia dopo il ritiro in Gara 1. López é in testa seguito dalla Honda di Michelisz, dalla C-Elysée di Tom Chilton, dalla Civic di Rob Huff e dalla Citroen di Mehdi Bennani. L'attenzione diventat tutta per la sfida Lada vs Volvo, impegnate a sfidarsi per le posizioni dalla 6 alla 10.

Nel secondo giro Catsburg é sesto con la sua Vesta, seguito da Tarquini, Ekblom, Valente e Bjork. Bisogna aspettare di arrivare sul lungo rettifilo che chiude la Nordschleife per vedere il sorpasso della seconda Volvo sulla terza Lada, mentre Ekblom non riesce a scavalcare Tarquini. Nel terzo giro López rallenta per conservare le gomme e non rischiare (visti i diversi problemi avuti sui pneumatici questo weekend), mentre arrivati nel tratto storico del tracciato entrambe le Volvo riescono a passare l'unico pilota italiano in gara. Ancora una vittoria quindi per López e la Citroën, che salgono sul podio nuovamente insieme a Michelisz e Chilton. Quarto Huff, poi Bennani, Catsburg, Ekblom, Bjork, Tarquini e Valente, che chiudono la Top 10.