Campionato Europeo ed Italiano, insieme. Il Rally di Roma Capitale, che scatterà questa sera con la cerimonia di partenza da Castel Sant'Angelo, la parata per le vie del centro di Roma e soprattutto con la prova spettacolo attorno alle Terme di Caracalla, è valido sia per la serie continetale (terza gara del campionato) sia per il Tricolore, di cui è il quinto atto e per cui gode del coefficiente maggiorato 1,5.

In un giorno fitto di impegni, il cronometro ha già restituito qualche verdetto, con la Qualifiying Stage disputata a Fumone, che per l'Europeo consente ai migliori di scegliere la posizione di partenza della prima tappa di domani.

Il più veloce è stato il russo Gryazin (terzo in campionato dopo le prime due gare) che con la Polo R5 ha rifilato 1"061 allo spagnolo Solans (Skoda Fabia) e 1"251 al nostro Andrea Crugnola, con la Hyundai ufficiale. Un inizio promettente quello del campione italiano in carica, che a Roma deve assolutamente fare un risultato importante dopo una prima metà di stagione decisamente avara di soddisfazioni. 

Tra i nostri segnali incoraggianti pure da Fabio Andolfi che si presenta a Roma in testa al Tricolore e che ha segnato il 6. tempo a Fumone e da Giandomenico Basso, buon 8. (anche lui a meno di due secondi dalla vetta). Qualifica sfortunata invece per Umberto Scandola, che si è fermato a bordo strada senza poter segnare un tempo significativo.

In gara a Roma anche i ragazzi del Tricolore Junior, serie in cui dopo San Marino guida Emanuele Rosso, mentre nel Tricolore Due Ruote Motrici la gara laziale potrebbe essere già decisiva per consegnare il titolo ai fratelli Nucita sulla Peugeot 208 ufficiale. Debutto infine per la Gr Yaris Rally Cup, prima serie monomarca al mondo dedicata alla Yaris Gr che qui schiera 11 esemplari.