La quinta tappa della Dakar 2014, quella più lunga complessivamente e resa più impegnativa da difficoltà di navigazione e dal gran caldo, ha visto una prestazione notevole da parte di Nani Roma, riuscito a mettere distacchi sensibili fra sé e gli altri, specialmente fra chi lotta per la classifica assoluta. Chi è riuscito a rimediare i danni minori è stato Giniel De Villiers, arrivato secondo a più di 4 minuti, mentre vicini fra loro ma tutti sopra i 20’ di ritardo sono Robby Gordon, Orlando Terranova, Nasser Al Attiyah, Stephane Peterhansel e via via gli altri. Ma chi ha ritardato più di tutti è stato proprio il precedente leader in classifica, Carlos Sainz, attardato di un’ora per uno stop causato da un problema elettrico poi risolto. Così Roma ha ripreso il comando della classifica generale, che comincia a vedere aumentare davvero i distacchi fra i protagonisti: così il secondo Al Attiyah è a 26 minuti e mezzo, Terranova a quasi 32 e Peterhansel a 40, mentre Sainz è scivolato sesto dietro a De Villiers che sta recuperando dopo i problemi iniziali. Ricordiamo che questa tappa da Chilecito a San Miguel de Tucumàn ha visto percorrere 911 km dei quali 527 in due settori di prova cronometrata (questa dunque più corta di mercoledì) caratterizzati da fondo prevalentemente sabbioso. L’insidia vera è stata però quella del caldo, talmente elevato da far decidere agli organizzatori di concludere la gara dei motociclisti dopo il primo settore per evitare problemi di tipo fisico. Ovviamente anche i motori e la meccanica in generale ne hanno sofferto. La sesta tappa di venerdì porta invece da Tucumàn a Salta, raggiungibile dopo 694 km (424 di stage speciale). Classifica della quinta tappa: 1. Roma-Perin (Mini) in 4.27’01”; 2. De Villiers-Von Zitzewitz (Toyota) a 4’20”; 3. Gordon-Walch (Hummer) a 20’12”; 4. Terranova-Fiuza (Mini) a 20’44”; 5. Al Attiyah-Cruz (Mini) a 21’38”. Classifica generale: 1. Roma-Perin (Mini) in 19.21’54”; 2. Al Attiyah-Cruz (Mini) a 26’28”; 3. Terranova-Fiuza (Mini) a 31’46”; 4. Peterhansel-Cottret (Mini) a 39’59”; 5. De Villiers-Von Zitzewitz (Toyota) a 41’24”. Maurizio Voltini CARTE5