Corrono via senza particolari scossoni in classifica, i 342 km di prova speciale da Neom ad Al Ula, terzultima tappa della Dakar 2021. Yazeed Al Rajhi torna a essere cacciatore di vittorie di giornata, mettendo l’Hilux davanti a tutti e su tre ruote all'arrivo. Prende il controllo della prova già dal primo checkpoint e apre un vantaggio di oltre 1’30” su Al Attiyah e Peterhansel a 90 km dal via.

Per un inizio che ha visto racchiusi in pochi secondi Al Rajhi, Serradori e Seaidan, oltre ai primi due della generale, dal km 162 - quarto checkpoint di giornata sugli 8 prima dell’arrivo ad Al Ula - il saudita su Toyota Hilux corre regolarmente con più di 1’30” sulla seconda posizione.

Peterhansel-Al Attiyah, marcatura stretta

Passa di mano da Peterhansel ad Al Attiyah, i due divisi nella generale da quasi 18 minuti. Poca cosa, alla luce di tale distacco, i 49 secondi guadagnati dal qatariota in coppia con Matthieu Baumel. Una tappa in meno alla fine della Dakar, un controllo sempre più saldo della corsa per Peterhansel.

Il quarto posto ottenuto nella speciale da Carlos Sainz lo relega a 4’12”, pur sempre un recupero rispetto ai 6 minuti persi nelle primissime fasi della corsa, tra il km 45 e il km 90, checkpoint dov’è transitato con 6’05” da Al Rajhi.

Il podio per El Matador è un risultato da difendere, viste le vicissitudini di ogni sorta – problemi meccanici, forature, errori di navigazione – occorsi in questa Dakar. Alle sue spalle, Roma-Winocq sul buggy Prodrive sono a 2 ore e 50 minuti da Peterhansel, 32 minuti “appena” a dividerli dalla MINI di Sainz-Cruz.

Classifica tappa 9 Dakar 2021 

Classifica generale Dakar 2021