Dakar 2024, Sainz allunga su Loeb: "Un errore di navigazione ci è costato 10'"

Dakar 2024, Sainz allunga su Loeb: "Un errore di navigazione ci è costato 10'"© M.Maragni/Red Bull

La vittoria di giornata va a Ekstrom, uscito di classifica domenica, a causa della rottura della sospensione. Loeb corre in vantaggio su Sainz ma negli ultimi 70 km perde terreno e il distacco aumenta

Fabiano Polimeni

16 gennaio

Per quasi 390 km dei 458 km in programma tra Ad Duwadimi e Hail, sembrava che il recupero di Sebastien Loeb su Carlos Sainz potesse portarlo ad accorciare ulteriormente il distacco nella classifica generale, 19 minuti al via della speciale numero 8.

Poi, il capovolgimento delle sorti della speciale. Loeb che al km 390 cerca un waypoint mancato, Sainz che torna davanti e con quasi 6 minuti di margine al chilometro 406. 

La giornata sorride all'Audi di Mathias Ekstrom, vincitore davanti a Peterhansel per 2'45", poi Chicherit su Toyota Hilux a 3'10". Una giornata funestata dalla notizia, diffusa dalla direzione gara, della morte del motociclista spagnolo Carles Falcon. Nella speciale numero 2, una violenta caduta al km 448 è risultata fatale, nonostante l'intervento dei medici e il trasferimento in ospedale, dapprima ad Ad Duwadimi, poi a Riyadh. Oggi pomeriggio l'annuncio del decesso.

L'errore di navigazione di Loeb

La cronaca sportiva racconta di un Loeb che non va oltre il decimo crono a 11', perde 5'47" da Sainz, a sua volta a 5'13" da Ekstrom. La classifica generale, così, vede consolidarsi la leadership di Sainz e Cruz, ora con 24'47" sul duo Prodrive Loeb-Lurquin, a quattro prove speciali dal termine della Dakar.

Terzo posto sul podio guadagnato da Moraes, con Toyota, attardato di un'ora e 5 minuti.

"Oggi è stata una giornata difficile. Stavamo correndo una buona speciale, stavo davvero spingendo forte ma abbiamo commesso un errore di navigazione e abbiamo perso circa 10 minuti. Così, ecco di nuovo che perdiamo un bel po' di tempo da Carlos", commenta Loeb.

Sainz che guarda alle prossime giornate, domani 417 km da Hail ad Alula, ancora con la navigazione importante su passaggi veloci e altri su pietraie. Poi, giovedì, i 480 km da Alula a Yanbu, che si preannunciano ad altissimo rischio forature.

Sainz-Loeb per la vittoria della Dakar

"Penso che resti ancora molta strada per me e stanno arrivando le speciali lunghe. Vedete come sia facile perdere 5 o 10 minuti in una gara come questa. È così facile, che sia per la navigazione, le forature, tutto. È molto stressante, oggi però è stata una buona giornata", il racconto di El Matador.

Una prova speciale che ha segnato un altro ritiro per Al Attiyah, dopo 42 km di speciale, fermato da problemi al motore. 

Ekstrom vince ma sfuma il podio

Le speranze di podio di Mathias Ekstrom, invece, sono tramontate domenica, speciale numero 7, per la rottura della sospensione posteriore.

"Oggi è stata una buona prova, in un tratto abbiamo superato il limite di velocità e non so quanto sarà la penalizzazione. È stata una speciale che mi sono goduto sin dall'inizio, senza grandi problemi.

Ieri, la sospensione posteriore sinistra si è staccata a causa di tre bulloni lenti. Abbiamo dovuto aspettare il camion assistenza per cambiare i pezzi", spiega Ekstrom.

"Mi imbarazza davvero che, dopo una prima settimana che ci ha messi in un'ottima condizione, non siamo riusciti a mettere la macchina in sesto. Il colpo ricevuto ieri è stato devastante per me, Emile tutto il team. C'era la possibilità di puntare al podio della Dakar, sarà una delusione che mi accompagnerà a lungo, quella per quanto successo ieri".

Classifica generale Dakar 2024 - top 10

  1. Sainz (Audi)
  2. Loeb (Prodrive) +24'47"
  3. Moraes (Toyota) +1h05'
  4. De Mevius (Toyota) +1h34'
  5. De Villiers (Toyota) +1h45'
  6. Chicherit (Toyota) +1h56'
  7. Prokop (Ford) +2h01'
  8. Serradori (Century) +2h03'
  9. Botterill (Toyota) +2h24'
  10. Vanagas (Toyota) +2h34'

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi