Dakar 2024, Loeb vince ancora e recupera su Sainz: "Andremo all'attacco"

Dakar 2024, Loeb vince ancora e recupera su Sainz: "Andremo all'attacco"© M.Maragni/Red Bull

Le difficoltà di Sainz, nel ruolo di apripista, in una speciale impegnativa per la navigazione e il recupero di Loeb, che resta staccato di 20 minuti nella generale. La Dakar si decide tra loro due

Fabiano Polimeni

16 gennaio

Di nuovo tappa ad Alula per la Dakar 2024, che celebra la quartultima prova speciale e conferma Carlos Sainz e Lucas Cruz in testa alla classifica.

Sono, però, Loeb e Lurquin a vincere i 417 km di speciale partita ad Hail, impegnativa nel finale con ampi tratti di navigazione pura. 

Vince l'Hunter di Prodrive, con 4'14" di vantaggio sulla Audi RS Q e-tron di Sainz e 4'43" sul buggy Century di Serradori-Minaudier. Audi che, dopo la vittoria di Ekstrom nella speciale di lunedì, si è trovata ad aprire la via.

Sainz soddisfatto e le difficoltà di navigazione

"Direi che sono soddisfatto della prova, tenuto conto che ho aperto la strada per un bel po'", racconta Sainz al traguardo. "Alla fine è stato davvero stressante in abitacolo, molto difficile la navigazione. Le tre macchine erano insieme, è stato positivo, sapevo di avere un supporto alle mie spalle".

Ekstrom e Peterhansel gregari di lusso, ormai fuori dai giochi per il risultato nella generale e a supporto della vittoria di Sainz.

Peterhansel comprende lo stress di Sainz 

"Eravamo primo, secondo e quarto stamani, abbiamo superato Chicherit che partiva nel mezzo. Ho aspettato Carlos per 6 minuti in avvio, così da scortarlo durante la prova e sempre correndo 30" dietro, in caso di necessità", spiega Peterhansel.

"Non è stato semplice per lui. Finché ha avuto macchine davanti, lasciavano le tracce; negli ultimi 200 km ha aperto lui la strada e si vedeva che in un paio di occasioni ha esitato. Poco male quando devi navigare, resta il fatto che non è stata una prova semplice.

Carlos è in una buona posizione, però Sebastien è in grado di recuperare 10 minuti al giorno o anche di più se va al limite. Posso capire perché Carlos è stressato. Con 20-25 minuti di vantaggio va bene, ma se hai un problema tecnico li perdi in fretta".

Loeb, tre speciali all'attacco

Detto come resti ancora teoricamente aperta la lotta per il terzo gradino del podio, conteso tra le Toyota di Moraes e De Mevius, attardati di un'ora e 12' da Sainz e un'ora e 39', per il successo restano 20 minuti tra Sainz e Loeb.

Pesa il risultato della speciale di lunedì, dove Loeb avrebbe potuto recuperare altro terreno, senza l'errore di navigazione.

Vince la speciale e ad Alula commenta: "Per noi è stata una buona giornata, con una speciale lunga. Abbiamo sofferto due forature a metà prova, perciò nel finale ho dovuto fare attenzione ed evitare una terza. Nella generale abbiamo recuperato 3 minuti su Carlos, resta un distacco ampio ma abbiamo ancora tre prove speciali da correre. Vedremo come andrà, continueremo ad attaccare nei prossimi tre giorni".

Prova attesa quella di giovedì, la Alula-Alula e, ancora di più, i 480 km da Alula a Yanbu, ad alto rischio forature. Due giornata decisive prima della passerella finale intorno a Yanbu.

Classifica generale - Top 10

  1. Sainz (Audi)
  2. Loeb (Prodrive) +20'33"
  3. Moraes (Toyota) +1h12'
  4. De Mevius (Toyota) +1h39'
  5. De Villiers (Toyota) +2h00'
  6. Serradori (Century) +2h03'
  7. Chicherit (Toyota) +2h12'
  8. Prokop (Ford) +2h12'
  9. Botterill (Toyota) +2h29'
  10. Vanagas (Toyota) +2h59'

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi