De Tommaso diventa grande al Targa Florio

De Tommaso diventa grande al Targa Florio

Il giovane lombardo vince la sua prima gara nel Tricolore davanti a Crugnola e Andolfi. Terzo vincitore diverso in altrettante gare

Daniele Sgorbini

7 maggio

La prima volta non si scorda mai, soprattutto se arriva in una gara dal fascino e dalla tradizione come la Targa Florio. E poco importa, per le statistiche, che l'edizione numero 106 della gara più antica del mondo - valida quale terzo atto del Campionato Italiano Assoluto Rally - sia stata "mutilata" dal maltempo che ha costretto gli organizzatori a tagliare i tre passaggi sulla speciale più lunga. Quel che resta, infatti, è che la prima affermazione del pilota varesotto è stata decisamente meritata.

Damiano De Tommaso e Giorgia Ascalone hanno preso il comando al termine della prima frazione, nel secondo passaggio sulla speciale di Cefalù, reso insidiossimo dal buio e dalla nebbia, e non l'hanno più mollato, resistendo nel finale anche agli assalti di Fabio Andolfi e Andrea Crugnola, che hanno provato fino all'ultimo a sparigliare le carte.

Il vincitore del Sanremo si è presentato al via dell'ultima speciale forte dello scratch sul tratto precedente, ma nel momento chiave è stato rallentato da un problema ai tergicristalli, che sicuramente lo ha condizionato. A Crugnola invece non è bastato vincere il terzo passaggio sulla "Targa" e il suo tentativo di rimonta si è infranto a 4"2 di distacco dal vincitore. Per il pilota Citroen un secondo posto comunque importante, che gli basta per mantenere la vetta del campionato e guardare con fiducia ai prossimi appuntamenti.

Per Andolfi invece un terzo posto che sa tanto di occasione mancata, soprattutto considerando la forza del pilota ligure (e delle sue gomme) sull'asfalto bagnato dalla pioggia, una condizione che non è detto si ripeterà nei prossimi round del Tricolore.

Solo quarto posto invece per Giandomenico Basso: il campione 2021, passato quest'anno alla Hyundai, ha mancato il podio e dopo il ritiro di Sanremo vede sempre più in salita l'impresa di difendere il titolo.

La classifica finale della 106. Targa Florio: 1. De Tommaso-Ascalone (Skoda Fabia) in 50'00"3; 2. Crugnola-Ometto (Citroen C3) a 4"2; 3. Andolfi-Fenoli (Skoda Fabia) a 7"7; 4. Basso-Granai (Hyundai i20) a 28"0; 5. Albertini-Fappani (Skoda Fabia) a 42"4; 6. Scattolon-Bernacchini (Skoda Fabia) a 48"3; 7. Profeta-Merendino (Skoda Fabia) a 1'13"3; 8. Riolo-Marin (Volkswagen Polo) a 1'16"1; 9. Ciuffi-Gonella (Skoda Fabia) a 1'16"2; 10. Michelini-Perna (Volkswagen Polo) a 1'51"3.

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi