da Olbia - Marco Giordo Dopo una seconda giornata di gara molto movimentata si è concluso il Rally Italia Sardegna 2013, con il trionfo di Sébastien Ogier e della sua VW Polo R Wrc. Il pilota transalpino ha dominato dal primo all’ultimo km la gara precedendo alla fine il bravo Thierry Neuville sulla Ford Fiesta Wrc della MSport, terzo ha chiuso invece il finalandese Jari-Matti Latvala (VW Polo R Wrc). La seconda giornata di corsa ha fatto segnare la débacle del Team Citroen, con Mikko Hirvonen che era secondo ed al mattino dopo aver vinto la prima speciale di Monte Olia è uscito di strada ed è stato costretto al ritiro nel secondo crono di Terranova. E così Ogier ha potuto controllare la gara con tranquillità sino alla fine, mentre in casa Citroen le cose continuavano a non andare per il verso giusto perché Dani Sordo nella terza speciale faceva un testacoda perdendo una ventina di secondi e il terzo posto che passava nelle mani di Latvala che non lo mollava più sino alla fine. Dietro Sordo, quinto ha concluso il céco Prokop (Ford Fiesta Wrc) davanti al giovane galles Evans che, navigato dal nostro Giovanni Bernacchini, era all’esordio sulla Ford Fiesta Wrc della MSport. Nelle battute finali da segnalare il ritiro di Mikkelsen, che sulla terza VW Polo Wrc è uscito di strada nella terzultima speciale mentre lottava con Sordo per la quarta posizione assoluta. Tra le Wrc 2 c’è stato il dominio dell’ex pilota di F.1 Robert Kubica, che al volante della sua Citroen Ds3 Regional rally car ha preceduto il leader della serie Al-Kuwari ed il nostro Lorenzo Bertelli (entrambi su Ford Fiesta Rrc). Il pilota polacco tra l’altro ha chiuso nono assoluto nella classifica generale conquistando i suoi primi due punti iridati. Nel Wrc 3 vittoria del tedesco Riedemann, mentre tra i piloti sardi il migliore è stato Giuseppe Dettori (Mitsubishi Lancer Evo9) grazie anche al ritiro di Francesco Marrone nell’ultima prova speciale. Questa la classifica finale della gara: 1. Ogier-Ingrassia (VW Polo R Wrc) in 3.22’57”9; 2. Neuville-Gilsoul (Ford Fiesta Wrc) a 1’16”8; 3. Latvala-Anttila (VW Polo R Wrc) a 1’48”0; 4. Sordo-Del Barrio (Citroen Ds3 Wrc) a 3’19”2; 5. Prokop-Ernst a 8’34”1 (Ford Fiesta Wrc). Così il mondiale piloti: 1. Ogier 154 punti, 2. Latvala 90, 3. Neuville 70. Così il mondiale marche: 1. Volkswagen 220, 2. Citroen 174, 3. Qatar MSport 89. META' SECONDA TAPPA Inizio molto movimentato anche della seconda tappa del Rally Italia Sardegna 2013, con due débacle per il Team Citroen. Mikko Hirvonen, infatti, dopo aver vinto la prima speciale di Monte Olia è uscito di strada ed è stato costretto al ritiro nel secondo crono di Terranova vinto da Ogier. Sempre Ogier si è aggiudicato poi la terza speciale a Monti di Alà dove Sordo faceva la frittata girandosi, lasciando così una ventina di secondi e il terzo posto nelle mani di Latvala, che era il più veloce nel crono finale del mattino a Coi luna, a testimonianza della grande superiorità delle Volkswagen. Tra le Wrc2 continua dominio dell’ex pilota di F.1 Robert Kubica, che al volante della sua Citroen Ds3 Regional rally car ha oltre due minuti di vantaggio sul pilota del Qatar Al-Kuwari. Il polacco è tra l’altro sempre decimo assoluto nella classifica generale. Nel pomeriggio è in programma il secondo passaggio sulle quattro speciali ricavate sugli sterrati del Monte Acuto, vale a dire a Monte Olia, Terranova, Monti di Alà (che sarà la power stage) e Coi luna, con arrivo finale della gara previsto al Molo Brin di Olbia alle ore 19.15. Questa la classifica della gara dopo dodici speciali: 1. Ogier (VW) 2h 32’41”3; 2. Neuville +1’15”9; 3. Latvala (VW) +1’51”4; 4. Sordo +2’12”2; 5. Mikkelsen (VW) +2’32”1. PRIMA TAPPA Inizio scoppiettante con una prima tappa ricca di colpi di scena al Rally Italia Sardegna 2013. Sébastien Ogier è stato il grande dominatore della giornata al volante della sua VW Polo R Wrc, ma ad avvantaggiare il leader del mondiale nella sua corsa verso la leadership della gara ci hanno pensato prima il suo compagno di squadra Jari-Matti Latvala e poi il giovane russo Evgeny Novikov ed il norvegese Mads Ostberg (Ford Fiesta Wrc). Latvala ha infatti bucato la gomma anteriore sinistra subito nella prima prova speciale di Monte Lerno perdendo 1’56” e le sue velleità di lottare per la vittoria finale. Poi nella seconda speciale era il giovane pilota russo a uscire di strada capottando la sua Ford Fiesta Wrc duecento metri dopo lo start della prova di Castelsardo. Infine era Ostberg, che in classifica si trovava al quarto posto, a capottare nell’ultima speciale “Gallura” svoltasi in notturna. Ogier si è aggiudicato insieme a Latvala sei delle otto speciali sinora disputate, a testimonianza del dominio Volkswagen nella corsa, mentre le altre due sono state appannaggio di Thierry Neuville (Ford Fiesta Wrc). Tra le Wrc2 dominio dell’ex pilota di F.1 Robert Kubica che si è aggiudicato tutte le speciali in programma eccetto la terza, nella quale aveva fatto un testacoda danneggiando il posteriore della sua Citroen Ds3 Regional rally car. Il polacco è tra l’altro decimo assoluto nella classifica generale. Domani ci sarà la giornata finale con la classica tappa nel Monte Acuto, composta da otto speciali (quattro ripetute due volte), vale a dire quelle di Monte Olia, Terranova, Monti di Alà e Coiluna. L’arrivo finale della gara è previsto al Molo Brin di Olbia alle ore 19.15. Questa la classifica della gara della prima tappa: 1. Ogier-Ingrassia (VW Polo R Wrc) in 1.40’47”3; 2. Hirvonen-Lehtinen (Citroen Ds3 Wrc) a 46”6; 3. Neuville-Gilsoul (Ford Fiesta Wrc) a 49”7; 4. Sordo-Del Barrio (Citroen Ds3 Wrc) a 1’19”4; 5. Latvala-Anttila a 1’44”0.