Con un accordo concluso stamattina, che consente all'Italia di avere seconda prova massima serie iridata, l’Aci Rally Monza, in programma dal 4 al 6 dicembre, sarà valido come prova conclusiva del Campionato del Mondo Rally.

Si è così chiusa in maniera positiva la complessa trattativa che ha visti protagonisti l’Automobile Club d'Italia, la FIA (Federazione Internazionale dell'Automobile), e la WRC Promoter, la societa' che gestisce la serie iridata rally. L'obiettivo comune era quello di dare una chiusura assoluto rilievo al campionato 2020, particolarmente colpito dalla pandemia. L’evento unisce al fatto agonistico anche una visibilità garantita dal prestigio e dalla storia del Monza Eni Circuit, tempio del motorismo mondiale.

Il circuito brianzolo sara' il cuore pulsante della corsa ospitando oltre al Quartier Generale della gara e al Parco Assistenza, anche due delle tre tappe programmate, mentre la terza è prevista nella zona di Como.