La FIA ha confermato oggi l'impegno di Hyundai, Toyota e M-Sport Ford in preparazione del Campionato del Mondo Rally 2022, quando la tecnologia ibrida verrà introdotta ai massimi livelli di competizione.

I dettagli del contratto

Il contratto triennale (2022-24)  include in particolare un contributo condiviso ai costi di sviluppo della tecnologia per questa nuova era, che porrà un accento particolare sulla sicurezza, il contenimento dei costi e la sostenibilità. La categoria Rally1 continua a delinearsi in vista del suo lancio nel 2022. A seguito dell'approvazione del regolamento tecnico da parte del Consiglio Mondiale e della conferma degli elementi di sicurezza interni “safety cell” (la cellula di sicurezza) conseguenti al crash test, questo impegno da parte dei Costruttori attualmente presenti nel campionato per i prossimi tre anni si presenta come un nuovo traguardo.

Patto tra i Costruttori

I tre gruppi automobilistici (Ford, Hyundai e Toyota)hanno concordato una serie di principi sotto forma di un nuovo patto che formalizza la stretta collaborazione tra tutte le parti interessate del WRC - i produttori, il promotore WRC e la FIA - iniziata nel 2019, quando è stata introdotta la tecnologia ibrida annunciata per il 2022.