Dopo un anno di stop torna la “grande corsa di Jyvaskyla”, il massimo della vita per un appassionato della specialità. Il Rally Finland, una gara che è da sempre una lunga battaglia sul filo dei secondi, durerà questo fine settimana tre giorni e 287 km cronometrati. Una gara per specialisti l’ “Jyvaskylan Suurajot”, che ha visto primeggiare in 69 edizioni sin qui disputate solo cinque piloti non scandinavi, vale a dire Sainz, Auriol, Loeb, Ogier e Meeke. La kermesse del Keski Suomi festeggia quest’anno la sua 70a edizione con delle condizioni meteo inedite. Il tempo in Finlandia sarà infatti più fresco che nel recente passato, a fine luglio quando si è corso negli ultimi vent’anni la temperatura massima oscillava dai 22 ai 28 gradi di media, stavolta invece la massima prevista sarà di 9 gradi per questo fine settimana di inizio ottobre. Le previsioni dicono che comunque splenderà il sole, pioggia dunque scongiurata.

Toyota favorita

La kermesse finlandese spegne quest’anno 70 candeline e si preannuncia alla vigilia come nelle ultime tre edizioni la cronaca di una vittoria annunciata della Toyota. Questa marcata supremazia del team nipponico sugli avversari, è dovuta al fatto che avendo la propria sede a Puppola, la Toyota prova praticamente la sua Yaris tutto l’anno su queste strade. La Hyundai in Finlandia non ha mai vinto, ma occhio a Tanak che però c’è riuscito due volte con la Yaris e poi ha dominato a febbraio all’Arctic. Ed anche Breen ha sempre fatto molto bene nel Keski Suomi, la Ford non riesce invece ad imporsi ad Jyvaskyla dal 2010 quando Latvala mise tutti in riga sulla Focus. Sono 43 gli equipaggi iscritti ad Jyvaskyla con la Toyota che come già evidenziato schiererà al via ben 5 Yaris Wrc Plus, tre affidate ai piloti ufficiali Ogier, Evans e Rovanpera e due a Katsuta e Lappi. Sulla terza Hyundai i20 ci sarà Craig Breen che così affiancherà Neuville e Tanak, mentre Fourmaux sarà della partita sulla seconda Fiesta ufficiale della MSport al fianco di Greensmith. Sono 8 gli iscritti al Wrc 2 tra cui spicca l’assenza di Mikkelsen mentre ci sarà Teemu Suninen, che di recente ha rescisso il suo contratto con la MSport e sarà in gara nel Wrc 2 su una VW Polo R5 (in Catalogna correrà su una Hyundai). Al via anche Mads Ostberg (Citroen C3 Rally2) e sulle due nuove Hyundai i20 Rally2 di Huttunen ed Oliver Solberg. Nel Wrc 3 sono 14 gli iscritti, il favorito è il pilota di casa Emil Lindholm (Skoda Fabia R5 Evo), da segnalare anche la presenza dello spagnolo Pepe Lopez anche lui su Fabia e del veloce driver finlandese Eerik Pietarinen ((VW Polo R5). C’è solo un equipaggio italiano al via della gara, quello composto da Bertolotti-Celestini (Skoda Fabia Rally2).

19 speciali in programma

Questa 70a edizione del “Secto Rally Finland” (dopo oltre vent’anni la Neste ha abbandonato la sponsorizzazione della gara) è composta da 19 prove speciali per un totale di 287,11 km cronometrati suddivisi in tre tappe. L’edizione di quest’anno è notevolmente rinnovata e prevede venerdì 1° ottobre il confermatissimo shakedown di Vesala (4,04 km) alle 8 del mattino locali (un’ora in più rispetto all’Italia) e poi la prima tappa composta da 6 prove per un totale di 89,42 km cronometrati. Si parte alle 13.30 con la classica speciale cittadina d’apertura di Harju (2,31 km) seguita dai crono in parte nuovi ripetuti due volte di Assamaki (12,31 km) e Moksi (21, 31 km), per terminare con la speciale di Oittila (19,75 km). Sabato 2 ottobre la gara prosegue con ulteriori 151,95 km cronometrati suddivisi in 9 prove speciali, quelle ripetute due volte di Kakaristo (18,17 km), Paijala (22,61 km), ed i due ritorni dopo diversi anni di Arvaja (13,49 km) e Patajoki (20,55 km) con parco assistenza a metà giornata al Paviljonki, ed in serata alle 20 un altro passaggio sulla speciale cittadina Harju (2,31 km). In pratica, quindi, anche quest’anno i due passaggi sulla classica speciale di Ouninpohja saranno limitati soprattutto alla parte iniziale della prova nella zona di Kakaristo. Infine la giornata finale di domenica è la fotocopia di quella di due anni fa, composta da soli 45,74 km cronometrati e 4 speciali, i crono di Laukaa (11,75 km) e Ruuhimaki (11,12 km) ripetuti due volte, con la speciale icona di Ruuhimaki che nel secondo passaggio ospiterà la power stage alle ore 12.18 ora italiana.

Le gomme per il Rally di Finlandia

Terenzio Testoni, responsabile attività rally della Pirelli ci spiega come sarà il Rally di Finlandia per i pneumatici. “Sebbene il Rally di Finlandia sia un appuntamento classico del WRC con il quale tutti hanno familiarità, le condizioni quest’anno potrebbero essere molto diverse a causa dell’inusuale data di svolgimento. In estate, quando solitamente si tiene il rally, le temperature ambientali possono essere anche molto elevate, condizione che non ci aspettiamo ora. Una circostanza questa che combinata con le alte velocità e i grandi salti può fornire molte sollecitazioni per le gomme, che devono anche essere affidabili e assicurare comfort. Questa volta, la sfida più grande potrebbe essere quella di trovare il giusto grip con le temperature più basse, in particolare, se piove molto e le strade diventano molto scivolose. Per questo motivo, la prima scelta è la gomma morbida in modo da fornire ai piloti la trazione di cui hanno bisogno su strade così veloci, dove gli errori possono costare caro in termini di tempo. Sarà interessante vedere come le gomme morbide Scorpion affronteranno per la prima volta il freddo, visto che le previsioni del tempo prevedono temperature tra i 5 e i 10 gradi centigradi”.