WRC, Rally Croazia: Rovanpera resiste in testa

WRC, Rally Croazia: Rovanpera resiste in testa

Seconda tappa ricca di colpi di scena in Croazia con Rovanpera che resiste al ritorno di Tanak, mentre Breen e Neuville si giocano il terzo gradino del podio.

Presente in

Marco Giordo

23 aprile

Anche nella seconda tappa, che con i suoi 116,98 km cronometrati ha evidenziato tutte le diverse insidie di questa corsa, la pioggia è stata la grande protagonista condizionando le scelte di gomme dei piloti.

La principale novità c’è però stata nella tarda serata di ieri, quando è stata comminata a Neuville una penalità di 1 minuto, che lo ha fatto retrocedere al quarto posto, per aver percorso ad oltre il doppio del consentito 11 km nel trasferimento verso il parco, dopo essersi fermato per problemi all’alternatore. Il belga poi ha pagato stamattina per problemi all’ibrido anche 10” all’uscita dal parco.

Al pronti via tutti i big escono con quattro gomme da bagnato e due soft, viste le condizioni critiche soprattutto nel terzo crono. Nella prima speciale di Kostanjevac Solberg esce di strada, la sua Hyundai prende fuoco perché finisce su dei rami secchi ma l’incendio è subito domato. La prova viene subito sospesa ed è vinta da Evans. Nel secondo crono di Jaskovo è Lappi il più rapido con Rovanpera che opta per quattro gomme da bagnato perdendo così 10” su Tanak e Neuville.

Poi nella terza speciale di Platak di 23 km, novità assoluta della gara, le condizioni sono critiche con tanta pioggia e nebbia, e lì Tanak piazza la zampata vincendo la prova con 18”6 su Neuville, 19”2 su Breen e ben 54”5 su Rovanpera, che sin dai primi km ha patito una foratura lenta all’anteriore sinistra. Neuville vince il quarto crono di Vinski Vhr ed i piloti tornano a Zagabria con Rovanpera sempre leader, tallonato a 16”8 da Tanak, con Breen terzo a 57”8 e Neuville quarto a 1’24”0. La gara è dunque riaperta sia per la 1a che per la 3a posizione, e Lappi nel pomeriggio marca il primo a scratch a Kostanjevac precedendo di 7 decimi Neuville che si lamenta di aver perso il 40% della potenza nella fase finale del crono. Tanak recupera altri 3”8 su Rovanpera, che però nella prova seguente di Jaskovo vinta ancora da Lappi, è più veloce di 1”8 dell’éstone. Rovanpera resiste in testa con un vantaggio di 14”8 su Tanak, con Breen terzo a 1’08”7 che precede Neuville di soli 5”9.

La speciale di Platak, temutissima da tutti, viene annullata per motivi di sicurezza, e nell’ultimo crono di Vinski Vhr  il più veloce è Rovanpera che allunga su tutti chiudendo da leader la seconda tappa, davanti a Tanak staccato di 19”9 e Breen che resiste al ritorno di Neuville.

Domani è in programma l’ultima tappa di complessivi 54,48 km cronometrati con 4 prove speciali (due ripetute due volte) di cui la prima di  Trakoscan-Vrbno (13,15 km) è inedita, mentre la seconda di Zagorska Sela-Kumrovec (14,09 km) che ospiterà la power stage finale in programma alle ore 13.18 locali, è identica a quella dello scorso anno che regalò per soli 6 decimi la vittoria ad Ogier.

Questa la classifica alla fine della seconda tappa del Rally di Croazia:

1.Rovanpera in 2h14’54”5
2. Tanak +19”9
3. Breen +1’13”4
4. Neuville +1’18”3
5. Evans +2’08”2
6. Katsuta +5’47”7

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi