È quantomeno singolare che la Formula E sia assente da paesi che, in materia di diffusione e volumi di vendita delle auto elettriche, risultano essere in Europa i più avanzati. Come l'Olanda, dove la candidatura di Eindhoven per ospitare un ePrix, già dal 2022, riceve un'ulteriore spinta sotto forma di un supporto da parte del governo centrale.

LIVE Caschi d'Oro e Volanti 2020, segui la premiazione

In una lettera inviata all'a.d. della serie elettrica, Reigle, quattro ministri presentano la disponibilità a sostenere l'impegno del promoter locale, la Dutch Formula-Eindhoven Foundation. 

Formula E oltre l'aspetto sportivo

"Non si tratta solo di sport, la Formula E è sempre qualcosa in più di qualsiasi risultato della gara. È tecnologia, sostenibilità, sicurezza stradale, città intelligenti, quindi ecco che si sono uniti i ministeri delle Infrastrutture accanto al ministero dello Sport e delle Finanze", commenta Peter Laumans, direttore della società promoter dell'evento, a The Race.com 

Governo centrale e locale favorevoli all'organizzazione di un ePrix, in una Olanda che vedrà il ritorno della Formula 1 nei prossimi mesi, a Zandvoort. Tutt'altro scenario per favorire l'accordo tra il promoter e la Formula 1, negli anni scorsi - come diversissime sono le basi e le richieste economiche per concretizzare lo svolgimento di una gara -. "Abbiamo il pieno supporto su tre livelli, governo centrale, provinciale e cittadino di Eindhoven. Se paragoniamo la cosa alla Formula 1, è esattamente l'opposto, la Formula 1 non ha avuto alcun supporto", aggiunge Laumans.

Le discussioni sul'ePrix di Eindhoven vertono su un accordo iniziale  tra i 3 e i 5 anni di durata con la Formula E.