Penultima Superpole dell'anno ed è uno-due DS Techeetah a Tempelhof. L'ePrix di Berlino scatterà alle 14:00 con Vergne davanti a Da Costa. Pole e giro più veloce nella fase a gruppi per JEV, che dai 68 punti nel mondiale Piloti sale a 72 prima ancora del via dell'ePrix. 

Ha ripetuto di fatto, migliorando di 12 millesimi, il tempo della fase a Gruppi, Vergne: 1'06"227 vale la pole con 73 millesimi di margine su Da Costa. Il portoghese è stato il secondo pilota a trovare il maggior progresso cronometrico con il tentativo della Superpole, dove Di Grassi ha migliorato di 230 millesimi. Per il brasiliano di Audi c'è la seconda fila, terzo con 1'06"427, davanti a Edoardo Mortara e Norman Nato. Le due Venturi sono il volto bello del powertrain Mercedes, dove il team ufficiale affonda con De Vries e Vandoorne: il leader del mondiale, con 95 punti, partirà solo 19°. Per Vandoorne la piazzola numero 22. 

L'editoriale del Direttore: Batte ancora forte il cuore del Ferrarista

In terza fila, insieme a Nato, ci sarà Sebastien Buemi, l'unico davvero lento nel giro della Superpole, ben 5 decimi peggiore del precedente tentativo.

Alle 14:00 il via dell'ePrix di Berlino, 25 punti più uno del giro più veloce da assegnare. La classifica del mondiale Piloti dice De Vries 95, Frijns 89, Bird 81, Da Costa 80 e con una chance enorme di portarsi in testa al campionato, con margine, a un ePrix dal termine. Mortara può coltivare ambizioni di gloria, grazie ai 74 punti della sua nona posizione nel mondiale.

La cronaca della fase a Gruppi

Il primo Gruppo vede Da Costa precedere Dennis per poco più di un decimo, vantaggio nel quale considerare il traffico incontrato dal pilota BMW sull'ultima curva. Episodio che ha coinvolto Nick De Vries, leader di campionato, finito sotto investigazione dei commissari, senza che gli stessi abbiano ritenuto di dover intervenire con una sanzione. Male il giro di Frijns, staccato di oltre 6 decimi. Per Dennis, il secondo posto provvisorio conferma lo stato di forma eccelso mostrato nelle due sessioni di prove libere, entrambe concluse con il miglior crono.

Resistono solo in due, Da Costa e Dennis, nelle prime sei posizioni dopo il tentativo dei piloti del Gruppo 2. La zampata di Vergne arriva con l'1'06"239, davanti a Mortara di 2 decimi. Buona anche la prestazione di Evans, quarto, mentre Wehrlein realizza il sesto crono provvisorio.

Dal terzo Gruppo è solo Lucas Di Grassi a trovare un piazzamento utile per l'accesso in Superpole: quarto crono, l'1'06"555. A farne le spese è Wehrlein, che scala settimo. Qualifica da dimenticare per Vandoorne, 17° tempo in 1'07"006, per una Mercedes in grande crisi a Tempelhof. La difesa della posizione di testa nel mondiale Piloti si preannuncia difficilissima.

Uno scenario che sembrava essere consolidato, per l'ingresso in Superpole, è stato invece sostanzialmente modificato dopo i giri dei piloti del Gruppo 4. Riescono nell'impresa Norman Nato, secondo a 2 decimi da Vergne e Sebastien Buemi, quinto. Ne fanno le spese Evans e Dennis, a scalare settimo e ottavo. Dennis quarto nel mondiale, mentre Bird - terzo - partirà 12°. Tutto in salita l'ePrix di Berlino di De Vries e Frijns, 19° e 23°.

I tempi della Qualifica e Superpole 

  1. Vergne (DS Techeetah) - 1'06"227 - 1'06"239 (G2)
  2. Da Costa (DS Techeetah) - 1'06"300 - 1'06"486 (G1)
  3. Di Grassi (Audi) - 1'06"427 -1'06"555 (G3)
  4. Mortara (Venturi) - 1'06"442 - 1'06"426 (G2)
  5. Nato (Venturi) - 1'06"489 - 1'06"425 (G4)
  6. Buemi (Nissan) - 1'07"011 - 1'06"509 (G4)
  7. Evans (Jaguar) - 1'06"568 (G2)
  8. Dennis (BMW) - 1'06"592 (G1)
  9. Wehrlein (Porsche) - 1'06"612 (G2)
  10. Gunther (BMW) - 1'06"627 (G3)
  11. Rowland (Nissan) - 1'06"658 (G3)
  12. Bird (Jaguar) - 1'06"713 (G1)
  13. Rast (Audi) - 1'06"719 (G2)
  14. Cassidy (Virgin Racing) - 1'06"736 (G2)
  15. Lotterer (Porsche) - 1'06"789 (G3)
  16. Sims (Mahindra) - 1'06"814 (G3)
  17. Blomqvist (NIO) - 1'06"837 (G4)
  18. Sette Camara (Dragon) - 1'06"852 (G4)
  19. De Vries (Mercedes) - 1'06"902 (G1)
  20. Turvey (NIO) - 1'06"948 (G4)
  21. Lynn (Mahindra) - 1'06"972 (G1)
  22. Vandoorne (Mercedes) - 1'07"006 (G3)
  23. Frijns (Virgin Racing) - 1'07"156 (G1)
  24. Eriksson (Dragon) - 1'07"815 (G4)