Diavolo Ross

Diavolo Ross
Un demoniaco manipolatore di regolamenti? O una vittima della ristritturazione Mercedes? Brawn, l'uomo del momento, punta a essere il n.1 nel 2014

Alberto Antonini

4 giugno 2013

Il diavolo veste grigio, oggi. Ma un tempo andava in giro per il paddock con il più iconico abbigliamento rosso. Di camicie, Ross Brawn ne ha cambiate tante, in trentacinque anni di Formula Uno. Ma da almeno una ventina si porta dietro la fama di furbo, di uomo al di sopra delle regole. O addirittura, come sostiene qualcuno, di “autore-ombra” dei regolamenti, dettati letteralmente ai delegati Fia. Dicono che anche per questo Bernie Ecclestone non lo possa vedere («in Mercedes - disse qualche mese fa - adesso hanno Lauda e Toto Wolff. Può bastare»). Ma poi fu proprio Bernie a proporlo per un cavalierato dopo la vittoria nel mondiale 2009, propiziata dal famoso

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi