Bravo a sopravanzare Vettel in partenza e poi a finire comunque quinto, Nico Rosberg è soddisfatto per il contributo dato al team in classifica Costruttori: «Oggi è un gran giorno per il team e finire secondi nel campionato Costruttori è un grosso passo avanti per noi. Per questo ringrazio tutti qui in pista e in factory. Oggi è stata certamente una gara interessante: ho avuto una partenza perfetta, ma poi ho dovuto combattere con le gomme posteriori nel primo stint, e così ho perso delle posizioni. Ho lasciato stare Jenson perché la nostra lotta era con le Ferrari, e dovevo pensare anche a conservare le gomme. Sono davvero contento che abbiamo raggiunto il nostro obbiettivo, così possiamo guardare avanti e alle nuove sfide del 2014». Anche Lewis Hamilton, terminato 9° in Brasile, è contento per il risultato di squadra, ma parla anche dell'incomprensione con Bottas: «Questo risultato, secondi nella classifica Costruttori, significa tantissimo per tutti nella squadra e sono grato di esserne stato parte quest’anno. Per quanto riguarda la mia gara, è stata difficile: non so esattamente cosa sia successo con Valtteri, dovrò dare un’occhiata ai replay. Credo che quando mi sono mosso verso destra abbia frenato più tardi e così ci siamo toccati, ma è successo tutto così alla svelta, che anche se devo aver fatto qualcosa di sbagliato... Fino a quel momento era stata una buona gara, ero quarto ed era ancora possibile raggiungere il podio, perché ero abbastanza vicino a Fernando». Visto come i piloti hanno evidenziato il risultato di squadra della Mercedes, ecco cosa ha affermato Ross Brawn dopo la gara: «Beh, certamente mi è venuto qualche altro capello grigio dopo questa gara! Tutti e due hanno fatto una partenza fantastica, ma è diventato presti chiaro che non avevamo trovato un buon bilanciamento per la macchina di Nico. Invece Lewis ha avuto un primo stint migliore e poi ha trovato un buon ritmo dopo il primo pit-stop. Poi ovviamente la gara è cambiata con i due drive-through a Felipe e Lewis. I piloti mi avevano avvisato che Felipe passava decisamente oltre la linea bianca all’ingresso pot-lane, con tutte le ruote, e quando la Fia ha agito questo ci ha aiutato. Poi abbiamo avuto lo sfortunato incidente di Lewis con Bottas e di questo dobbiamo prenderci la colpa per non aver avvertito Lewis di come si stava avvicinando velocemente la Williams, nonostante fosse un giro indietro. Dopo la penalità ha guidato bene, considerando che il fondo era stato rovinato dalla gomma danneggiata. Ma quel che conta è che abbiamo ottenuto la seconda posizione come team. La Red Bull ha dominato alla grande, e mi congratulo con loro, ma il nostro progresso è frutto di un team tecnico che abbiamo cominciato a costruire due anni fa, per cui sono ottimista che tutto continui anche nel 2014». Maurizio Voltini