Continua la supremazia incontrastata delle Mercedes a Yas Marina, anche nella seconda sessione di prove libere. Sempre davanti Hamilton, stavolta di 83 millesimi su Rosberg, quando il divario dal terzo (Magnussen) è invece di 7 decimi: meno che nelle prime prove libere, ma sempre parecchio. Imbarazzante che anche con le gomme più dure sarebbero state precedute solo dal danese e da Vettel, risultato alla fine 4° a 8 decimi. Un ulteriore decimo e troviamo 5° Bottas, un altro ancora e c'è Ricciardo, che precede di 3 decimi Raikkonen 7°. Il finlandese si è trovato meglio rispetto alle prime prove; non così Alonso, che anzi è stato costretto a fermarsi in pista per un probabile problema elettrico prima ancora di risucire a completare un giro cronometrato. Così la top ten viene completata da Button (sebbene attardato all'inizio per problemi idraulici), Kvyat e Massa racchiusi in mezzo decimo. Queste prove, le prime con una situazione ambientale simile a quella che si troverà in qualifica e in gara (che si disputano di sera) sono risultate un po' ambigue per quanto riguarda i long run. Infatti le monoposto e i pneumatici hanno avuto reazioni molto diverse da caso a caso, fra chi aveva problemi con le gomme anteriori e chi invece con quelle posteriori; chi andava forte nei primi giri e chi sfruttava meglio le gomme sulla distanza; addirittura chi veniva invitato via radio dagli ingegneri a salvaguardare le gomme, e chi invece veniva esortato a tirare semza problemi. Insomma, assetti ancora in fase di esplorazione e dunque con la possibilità che ci siano dei cambiamenti, proprio sulla base dei riscontri odierni. Questo lo si vedrà forse nelle prossime prove libere, l'ultima ora prima delle qualifiche, in programma per domani alle ore 11 italiane. Ovviamente sempre raccontate dalla nostra cronaca diretta in parallelo qui sul web e su twitter (@autosprintLIVE). Mentre ricordiamo che potete trovare qui i tempi delle prove odierne.

La cronaca "live"

ore 15.30 - Poco prima dell'uscita della bandiera a scacchi, che conclude queste prove, Hamilton arriva a girare con le Pirelli soft (e "cariche" di una quindicina di giri) in 1'47"0, mentre Vettel e Ricciardo arrivano entrambi a 1'47"5 con la stessa mescola. Gli altri tutti sopra 1'48". Dunque la lista dei giri più veloci assoluti, ottenuti in simulazione qualifica con le Pirelli supersoft, vede 1° Hamilton seguito da Rosberg, Magnussen, Vettel, Bottas, Ricciardo, Raikkonen, Button, Kvyat e Massa. ore 15.20 - Insistendo nelle prove in simulazione gara, non vengono migliorati i tempi assoluti ma si assiste a qualche errore, specie alla prima frenata: qui sono arrivati più o meno lunghi Ricciardo e Massa, mentre alla curva 9 hanno avuto qualche problema Kobayashi, Vergne e Grosjean. ore 15.15 - Non sappiamo ancora se non sia stato individuato il problema o se richiedesse troppo tempo, ma i meccanici Ferrari hanno smesso di indaffararsi sulla monoposto di Alonso, che dunque sicuramente non tornerà in pista questa sera. ore 15.10 - Ormai sono tutti passati alle prove sulla distanza. Una volta stabilizzati i tempi, visto che Raikkonen ottiene un ottimo 1'43"7 al 6° giro sulle stesse supersoft ma altalenando giri veloci e giri lenti, sotto 1'48" sembrano poter girare solo le Mercedes e Bottas. Anche Vettel e Ricciardo sono risultati veloci, ma solo nei primi giri. ore 14.55 - Questa la situazione dopo quasi 1 ora, quando tutti (tranne Alonso fermo) hanno avuto la possibilità di sfruttare le Pirelli supersoft per la simulazione di qualifica: 1° Hamilton, poi Rosberg, Magnussen, Vettel, Bottas, Ricciardo, Raikkonen, Button, Kvyat e Massa. ore 14.50 - Sia Hamilton che Rosberg ritoccano ulteriormente i propri crono, arrivando a 1'42"113 e 1'42"196 rispettivamente (di 83 millesimi il divario). Mentre Bottas è l'ultimo a sfruttare le Pirelli più soffici e sale 5° a 0"957, dietro a Magnussen e Vettel. Nel frattempo la monoposto di Alonso è stata riportata ai box Ferrari e i meccanici stanno lavorando freneticamente per cercare di individuare e risolvere il problema prima di fine prove. ore 14.45 - Tocca anche alle Mercedes con le supersoft, e se prima Rosberg segna i record nei primi due intertempi ottenendo 1'42"303, però Hamilton recupera nel terzo settore e segna 1'42"159 sopravanzandolo per 0"144. ore 14.40 - Quando le Mercedes non hanno ancora completato il giro con le gomme supersoft, Magnussen passa davanti con il tempo di 1'42"895 superando Vettel di 64 millesimi. ore 14.35 - Arrivano i primi tempi con le Pirelli più morbide, le supersoft rosse, e Kvyat sale 2° restando comunque a 0"6 da Rosberg. ore 14.30 - Dopo mezz'ora di prove, la situazione vede davanti Rosberg seguito da Hamilton, Bottas, Magnussen, Vettel, Kvyat, Ricciardo, Perez, Raikkonen e Massa. Mentre è pronto a entrare Button, finora senza tempo. ore 14.25 - Entra in pista Bottas, che ottiene il suo primo crono della sessione salendo immediatamente 3° a 1"3 da Rosberg. Invece dalla McLaren comunicano problemi idraulici per Button, che non ha ancora potuto fare neppure un giro. Mentre in Ferrari si parla di problema elettrico per la fermata della macchina di Alonso. ore 14.20 Dopo che Hamilton arriva lungo alla prima curva, anche altri manifestano problemi in frenata, come Sutil e Grosjean. Ma problemi ben maggiori li mostra Alonso, che si ferma in pista col motore ammutolito: prove finite per lui. La Ferrari viene comunque portata subito in zona protetta senza che ci sia bisogno di far uscire la bandiera rossa come successo in altre occasioni. ore 14.15 - Quando entrano in pista le Mercedes, si portano subito davanti con Rosberg a precedere Hamilton di 6 decimi grazie al tempo di 1'43"024. Vettel è 3° a 1"4. ore 14.10 - Massa si porta davanti seguito da Hulkenberg, ma lo scavalcano Kvyat e Magnussen, col russo che lamenta pure problemi in frenata. Quindi Perez e Vettel salgono 3° e 4°. ore 14.05 - Si punta subito a giri completi e così, quando sono una decina i piloti in pista, arrivano i primi crono con Vergne (1'45"697) davanti a Magnussen e Grosjean. ore 14.00 - Inizia la seconda sessione di prove libere. Il primo in pista è Sutil, che ha ripreso il volante da Fong e sfoggia un nuovo disegno del casco. Lo segue Stevens.

Introduzione

Inizia alle ore 14 italiane la seconda sessione di prove libere in preparazione al GP F1 di Abu Dhabi, sempre seguita dalla nostra cronaca diretta sia qui sul web che su twitter (@autosprintLIVE). Questo turno dovrebbe risultare più indicativo sia perché si adotteranno entrambe le gommature messe a disposizione dalla Pirelli (quindi non solo la mescola soft gialla, ma anche la supersoft rossa) sia perché si disputa quando a Yas Marina sono le 17, quindi in orario serale esattamente come sarà anche per le qualifiche e la gara. Si spera che questo fatto serva anche a diminuire la supremazia messa in mostra dalle Mercedes nella prima sessione, nella quale hanno dato 1"7 a tutti, fra i quali ha svettato 3° Alonso a precedere le due Red Bull. Vedremo soprattutto se le Williams avranno risolto i problemi alla carrozzeria che le hanno frenate nelle prime prove libere. Maurizio Voltini CircuitoYasMarina