Se per un attimo facessimo finta che le Mercedes non corrono, e del resto non è improprio dire che fanno "gara a sé" con 1"3 di margine, le qualifiche di Spa sarebbero state qualcosa di grandioso, con 7 piloti racchiusi i nemmeno 3 decimi di secondo (0"288 per la precisione). Fra i quali avrebbe svettato Valtteri Bottas per 24 millesimi di secondo, nonostante prove libere quantomeno opache. Inutile dire che il finlandese è contento di questo fatto: «Sono molto soddisfatto del risultato ed è bello essere di nuovo tra i primi tre. Dopo le prove avevamo capito, guardando i tempi, che potevamo fare molto di più se avessimo messo a posto la macchina, e ci siamo riusciti: squadra ha fatto tutto per bene, toccava a me a "mettere tutto insieme". L'assetto era ottimo, la macchina bilanciata, per cui bastava fare bene tutte le curve per ottenere un buon giro, cosa che comunque a Spa non è semplice, e penso di esserci riuscito. Dietro di me la lotta è stata serrata per cui essere in cima a questo gruppo è davvero grande. Speravamo in questa terza posizione che è ottima per la partenza di domani: il nostro passo gara sembra alla pari con quelli attorno a noi, per cui ci sarà da lottare, ma non aspetto altro». Da parte sua, Felipe Massa ha commentato così la sesta posizione in griglia: «Ho perso un po' di tempo nel settore finale e guardando il risultato mi è costato un paio di posizioni. Mancava poco. È frustrante, ma la gara è lunga e questo tracciato può riservare tante sorprese, una delle quali è il clima! Dobbiamo assicurarci di partire bene e di guadagnare più posizioni possibili, e continuare a costruire da lì». Il capo-ingegnere Rob Smedley rivela che l'ingresso ritardato di Massa a inizio qualifiche non è stato per tattica: «Non è stata la sessione più tranquilla per Felipe, perché abbiamo dovuto riprogrammargli la macchina a inizio Q1 e questo lo ha fatto entrare in pista tardi, ma si è ripreso bene. In ogni caso siamo venuti alla ribalta quando davvero contava: Valtteri ha guidato molto forte nel giro che gli ha dato la terza posizione, e guardando ai nostri rivali in campionato è stata una grande qualifica. Entrambi i piloti sono andati molto bene e ora dovremo convertire questo risultato nel maggior numero di punti domani». Maurizio Voltini Belgian Grand Prix Qualifying