Esauriti i numerosi impegni mondano-istituzionali (tra cui un giro di Monaco al volante di una Mercedes Gullwing del '55 accompagnato dal Principe in persona) e accantonate le polemiche seguite al GP di Spagna, Nico Rosberg è finalmente tornato al volante della sua W07 per la giornata di libere di Montecarlo finita col tedesco al terzo posto dietro la Red Bull di Ricciardo e la monoposto del compagno di team Lewis Hamilton. Montecarlo è il GP di Casa per parecchi piloti e anche Nico è stato colpito dalla "frenesia monegasca": "E' grandioso essere tornato sulle strade della mia città, con i fan così vicini al tracciato - ha commentato dopo le seconde libere - anche se per noi il weekend è iniziato in maniera un po' complicata. Le sessioni sono state abbastanza confusionarie a causa dei periodi di Virtual Safety Car periods, ma sono comunque stato in grado di apprendere parecchie informazioni e quindi è stata una giornata positiva"

La cronaca delle seconde libere

Positiva, certo, anche se il leader della classifica generale ha chiuso con un ritardo di 9 decimi su Ricciardo: "Come previsto le Red Bull sono molto forti qui e di certo abbiamo un po' di compiti da fare tra stanotte e domani ma non vedo l'ora che arrivi sabato e la battaglia per le qualifiche, che potrebbe essere molto combattuta ed emozionante"