Una Rossa astratta, SF71H stilizzata da Aldo Drudi, che dovrà arrivare al Gran Premio d’Italia a Monza nitida nella competitività espressa sulle piste più veloci. Si apre con la presentazione del manifesto dell’evento la marcia che porterà alle libere 1 del 31 agosto, primi giri in pista di un mondiale che, finora, ha raccontato tutto un altro film rispetto allo scorso anno. Dopo la pausa estiva la Formula 1 ripartirà con due appuntamenti ad altissima tensione e velocità, passaggi sui quali la Ferrari 2018 può puntare al risultato più importante e contando esclusivamente sulla forza del progetto SF71H.

Sarà sfida a due più che mai a Monza. Tempio della velocità destinato a far ben figurare anche gli altri motorizzati Ferrari, apparsi in gran spolvero nelle ultime gare.

La presentazione del manifesto dell'evento, realizzato da Drudi Performance, è avvenuta a Roma, nella sede dell’ACI. «L’Automobile Club d’Italia ha preso in mano le redini del Gran Premio d’Italia, per tutelare la sua storia prestigiosa e proiettarla verso un nuovo e più certo futuro, in un momento cruciale per il mondo dei motori. Nella nuova gestione di Liberty Media, la Formula 1 cambia assetto e paradigma, ma i suoi valori in termini di tradizione e sportività vengono esaltati sotto una luce ancora più intensa», ha commentato il presidente Angelo Sticchi Damiani.

Un mondiale che guarda a nuovi appuntamenti, il progetto Miami da inserire nel calendario 2019, ma non può tralasciare le radici europee delle quali Monza è diramazione fondamentale. Con la prevendita dei biglietti già aperta, l’Autodromo punta a ripetere i numeri della scorsa edizione: «La decisione del presidente Angelo Sticchi Damiani di ospitare la presentazione del poster ufficiale all’Automobile Club d’Italia è la dimostrazione di quanto il Formula 1 Gran Premio d’Italia sia per ACI un orgoglio e un importante impegno. Il manifesto, richiamando cromaticamente il tricolore, rimarca la rilevanza che il principale evento di motorsport ha per l’intero Paese Italia.

L’Autodromo, come da tradizione, si sta dunque preparando al meglio per ospitare centinaia di migliaia di appassionati dal 31 agosto al 2 settembre, con l’auspicio di replicare il grande successo di pubblico registrato nel 2017 con 185mila presenze in tre giorni», ha dichiarato il presidente di SIAS, ente gestore dell’autodromo di Monza, Giuseppe Redaelli.

Computer-grafica e tecniche manuali definiscono il manifesto della Rossa astratta, impegnata sulla sopraelevata in bianco e lo sfondo del verde legato al Parco nazionale, insieme a comporre il tricolore.