Le prime prove libere del venerdì a Silverstone non sono state del tutto soddisfacenti per Ferrari, soprattutto stando a sentire come sono state commentate da Sebastian Vettel. A preoccupare il tedesco, però, non è tanto il suo distacco avuto in simulazione di qualifica dalle Mercedes, sui 4 decimi e mezzo, e nemmeno l'uscita rimediata nella zona delle curve di Becketts. Ma lasciamo che siano le sue parole a definire la situazione: «Non sono del tutto contento, penso sia stato un pomeriggio difficile. Abbiamo avuto vari alti e bassi, per molte ragioni diverse».

Eppure la Ferrari non è parsa distante da Mercedes come invece in altre occasioni, guardando soprattutto al gap di Leclerc inferiore ai 2 decimi. «In generale non possiamo dire sia andata male, anzi, ma comunque la Mercedes è sembrata lo stesso molto, molto veloce soprattutto nelle prove sulla distanza. Restano quelli da battere», spiega Vettel.

Resta tuttavia una certa fiducia nel lavoro di analisi dei dati che verrà svolto tra le prove del venerdì e quelle di sabato, anche se pure da questo punto di vista non tutto è andato liscio, tra i vari elementi provati: «Abbiamo provato alcune cose – prosegue Vettelcon risultati differenti che rendono il tutto un po' difficile da leggere, per i tecnici. Ora dobbiamo capire cosa mantenere di ciò che abbiamo provato oggi e cosa invece lasciar perdere, e su questo vedremo come andrà domani. Ma non dimentichiamo che anche Red Bull non è lontana e potrebbe diventare un problema. Non è una situazione facile».