Renault, McLaren e Mercedes. Sono le squadre che lavoreranno con Pirelli sulle gomme da 18 pollici, parte del grande cambiamento regolamentare previsto nel 2021.

Tre sessioni di prova con monopost-muletto, test “alla cieca”, serviranno a Pirelli per gettare le basi dello sviluppo da proseguire nel 2020. Dati che verranno messi a disposizione di tutte le squadre, in attesa di registrare l’interesse nel 2020 di quanti vorranno prendere parte al processo di sviluppo.

I primi chilometri della Formula 1 a 18 pollici, una rivoluzione epocale per una categoria da decenni ancorata ai 13 pollici, sono stati effettuati da Sergei Sirotkin al Paul Ricard, con una Renault del 2018.

RACCOLTA DATI, SI PARTE DALLA COSTRUZIONE

“Siamo pronti, ovviamente partiamo con una base, il test sarà maggiormente incentrato sulla costruzione. È quanto accade solitamente, quando hai una nuova misura, una nuova sfida”, commentava Mario Isola a Monza sull’avvicinarsi del primo test dei 18 pollici.

“Non ho un’idea chiara di cosa aspettarmi, abbiamo già iniziato i test di Formula 2 con le ruote da 18”, sta andando piuttosto bene, quindi speriamo di avere lo stesso risultato con la Formula 1.

Non voglio chiamarlo uno shakedown, perché proveremo per due giorni e abbiamo un programma piuttosto ampio. Vogliamo provare soluzioni diverse per avere un’idea migliore. Abbiamo queste tre sessioni per capire e valutare la base in vista del prossimo anno e, poi, avremo un anno intero di sviluppo per finalizzare le specifiche. La sfida è grande come ho spesso detto”.

PROMOSSO IL LOOK, ANCHE SE NEL 2021...

La sfida è iniziata e, i primi indizi sull’impatto visivo sono assolutamente convincenti. Nel 2021 le ruote saranno diverse, per questioni aerodinamiche verranno imposte le carenature lenticolari e si perderà l’effetto delle razze in vista.

Quanto al profilo delle gomme, delle anteriori si intuisce una diversa curvatura tra battistrada e spalla rispetto alla gomma attuale, visivamente appaiono meno “squadrate”. Battistrada che, per le gomme anteriori, sarà leggermente inferiore alla misura attuale, da 305 mm a 270 mm.

Il passaggio ai cerchi da 18 pollici avrà conseguenti ripercussioni sull’impianto delle sospensioni, vista la differente costruzione delle gomme e la minore spalla, notoriamente con un effetto ammortizzante.