Mentre il mondiale rally a un passo dalla tappa inaugurale del Montecarlo 2020, in Finlandia Valtteri Bottas si è regalato un'altra uscita al volante di una WRC, tornando sulle prove speciali tra neve e ghiaccio dell’Arctic Lapland Rally.

È mancata la vittoria in una prova speciale, centrata lo scorso anno, e il risultato finale ha visto Bottas-Rautiainen concludere nella top ten, noni a 9’54” dal vincitore, Kalle Rovanpera su Toyota Yaris WRC Plus.

Il recupero dopo l'errore

Meglio nella seconda delle due giornate, l’esperienza del pilota Mercedes, dopo un inizio di rally condizionato da un errore che lo ha visto perdere 3’36” nel corso della prova speciale 5, secondo passaggio sui 3,5 km di Mantyvaara e ultima prova di giornata.

“Un altro Arctic Rally portato a termine. Dopo una caotica prima giornata e con il 22° posto nella generale, siamo riusciti a tornare nella top 10 con Timo, sebbene in condizioni per me del tutto nuove e sfidanti. Ho imparato molto e mi sono divertito”, ha raccontato Bottas, che ha portato in prova speciale una DS3 WRC gestita dal team PH Sport.

Mercedes W11, c'è la data del debutto in pista a Silverstone