Non è la prima volta che le cronache registrano il tentativo di violare la privacy di Michael Schumacher, dalla residenza in Svizzera nella quale è assistito dopo il trasferimento dall’ospedale di Meribel, a seguito dell’incidente occorso sulle nevi francesi nel dicembre del 2013.

Dall’edizione online del tabloid britannico Daily Mirror emerge un nuovo tentativo di vendere le immagini del campione tedesco dopo l’incidente.

Ferrari, presentazione a Reggio Emilia per la monoposto 2020

Diritto alla privacy violato

La moglie Corinna ha sempre rivendicato il diritto alla privacy su un tema sensibile come la salute e anticipato azioni legali nei confronti di quanti avessero provato a violare la sfera privata di Michael Schumacher.

Stando a quanto riportato dal Mirror, il tentativo di vendere le foto avrebbe avuto una richiesta economica di oltre 1 milione di euro.