Al volante nei test invernali a Barcellona. Al volante della BMW dell’impegno sportivo in DTM. Al volante, venerdì prossimo, ancora sull’Alfa Romeo C39 nella prima sessione di prove libere del GP di Stiria. Per Robert Kubica arriva la prima delle uscite programmate con il team di Hinwil, sarà sulla monoposto di Antonio Giovinazzi, reduce da un GP concluso in zona punti.

“E’ una pista che personalmente mi piace e non vedo l’ora di tornare in azione questo week end, soprattutto dopo la lunga pausa che tutto il mondo del motorsport ha vissuto.

Sterzi a parte: Ferrari, perché non parli?

Il mio obiettivo è, come sempre, fornire più dati possibili agli ingegneri e dare loro le mie sensazioni dall’interno dell’abitacolo. Questo week end sarà un’esperienza nuova per tutti, correre nello stesso posto sul quale siamo stati pochi giorni fa, si tratterà di affinare i dati raccolti durante il GP d’Austria e provare le regolazioni che vogliamo apportare alle macchine”, il racconto di Kubica.

Indicazioni utili per progredire

Gareggiare ancora sulla stessa pista non sarà penalizzante per Giovinazzi, in termini di tempo di guida perso al venerdì mattina. Indicazioni che darà Kubica attese da Frederic Vasseur: “Non vedo l’ora di seguirlo, un pilota della sua esperienza porta sempre feedback preziosi e ci potrà aiutare a proseguire nella comprensione della macchina.

Agag a tutto campo, l'intervista esclusiva

Ovviamente, Robert è stato con il team durante lo scorso week end, è pienamente al corrente di ogni cosa sia stata discussa nelle riunioni con gli ingegneri e durante ogni sessione. Per lui sarà un’opportunità di provare la macchina personalmente e, armato delle sue competenze, aiutarci a migliorare ulteriormente”.