Altri due giorni di test, con tanti chilometri completati. Fernando Alonso è un perfezionista, ed ha voluto fortemente avere la possibilità di scendere nuovamente in pista con una Formula 1. Lo ha fatto a Sakhir, per due giorni consecutivi, a bordo della Renault Rs18 del 2018.

Ufficiale, nel 2021 si correrà in Arabia Saudita

186 giri in due giorni

Lo spagnolo ormai si sta concentrando a tempo pieno sul suo rientro in F1 dopo due stagioni lontano dal Circus, e lo si è visto anche al box Renault nel fine settimana di Imola. Un modo per riassaporare l'ambiente dei gran premi, prima di calarsi di nuovo nell'abitacolo. Sono stati due giorni molto intensi per lo spagnolo, con 93 giri al mercoledì ed altri 93 al giovedì. A quanto pare, lo spagnolo ha provato ogni condizione, sia giro secco che long run. 

Grosjean: "L'Indycar è una possibilità"


La speranza Abu Dhabi

Le F1 sono le vetture più impegnative fisicamente, e dopo il suo precedente test al Montmelò qualche scoria Nando la aveva avuta. Questo test in Bahrain serviva anche per misurare nuovamente il suo corpo, dal momento che nessun allenamento può dare le stesse sensazioni e gli stessi sforzi di tanti giri su una monoposto di F1. Sulla pista che tra poche settimane ospiterà due GP, prima dello spagnolo hanno girato anche i giovani dell'Academy Renault, ma era ovvio che il più atteso fosse proprio il due volte campione del mondo. Il quale spera ancora di poter scendere in pista con la Rs20 nei test per giovani piloti di Abu Dhabi, anche se difficilmente le altre squadre daranno il benestare.

Tost impressionato dal test di Tsunoda: "Aveva tutto sotto controllo"