Una delusione bruciante, nel volto e nelle parole. Il 14° posto non era quello che Charles Leclerc si sarebbe aspettato dal sabato pomeriggio, al termine di una sessione di qualifica molto complicata per la Ferrari, con anche Vettel fuori dai primi dieci. La penalità a Sainz ha permesso al monegasco di guadagnare una posizione, salendo in 13°.

GP Turchia, qualifiche: clamoroso Stroll! Cronaca e tempi

Sei secondi sono davvero troppi

Con molta amarezza, Leclerc ha commentato: "Non so dare una spiegazione, io di solito sono ottimista ma oggi proprio non riesco ad esserlo. Stamani pioveva ma avevo molta confidenza con la macchina, invece in qualifica era un disastro, non so cosa sia successo. Non riuscivo a stare in pista e ci siamo presi 6 secondi quando stamani eravamo insieme alla Red Bull, non so davvero spiegarmelo. Sicuramente non sono stato perfetto, ma 6 secondi sono tantissimi. Dobbiamo lavorare e capire perché con la pioggia quando mettiamo le extreme wet facciamo così tanta fatica, non è la prima volta, ci è già successo in passato. Il distacco è enorme e non abbiamo una spiegazione".

Venerdì, Hamilton diceva: "Nuovo asfalto? Uno schifo"