Mercedes, Allison: 'Divertente lavorare in galleria al recupero delle prestazioni'

Mercedes, Allison: 'Divertente lavorare in galleria al recupero delle prestazioni'© Mercedes

Il direttore tecnico Mercedes spiega l'impatto delle limitazioni aerodinamiche sulla prestazione delle monoposto e gli interventi prodotti per azzerare le perdite. Dall'aerodinamica allo spostamento della zavorra, così sperano di restare vincenti

Presente in

Fabiano Polimeni

27 gennaio

Sulla carta si attende un arretramento delle prestazioni dalle limitazioni regolamentari imposte nel 2021 in campo aerodinamico. Quattro sostanziali provvedimenti – necessari per rallentare la corsa dell’incremento velocistico delle monoposto – sono visti da James Allison in questi termini: “Porteranno le prestazioni della macchina indietro ai livelli simili del 2019”.

L'editoriale del direttore: C'era una volta il futuro

Tagli radicali

Passa in rassegna i quattro punti critici, “per primo e più di tutti, il taglio triangolare sul fondo davanti alle ruote posteriori. Quando si osserva può apparire qualcosa di piccolo ma da solo può togliere 1” al giro di prestazione alla macchina.

Poi, le pinne nei condotti dei freni posteriori, sono dispositivi molto potenti e queste modifiche – di limitazione dell’ampiezza - portano perdite di prestazione. Al retrotreno, sul diffusore, i profili verticali sono stati ridotti in altezza, non possono creare un buon sigillo aerodinamico con il fondo. Da ultimo, nella parte anteriore del fondo, i tanti slot che generano carico sono stati tutti rimossi”.

A Brackley non sono certo rimasti a guardare e subire i tagli alla prestazione voluti dalla FIA ed è un indizio di non poco conto l’aver congelato lo sviluppo del progetto W11 con largo anticipo, diversamente da quanto, ad esempio, ha fatto Red Bull, evolvendo la RB16 fino alle ultime gare dell’anno e destinata a un 2021 da RB16B che ha nella sigla la continuità progettuale.

Regolamenti 2021, cambiamenti sostanziali

È un indizio di come sia stato ripensato nell’insieme il progetto Mercedes 2021, senza più il DAS, con le limitazioni aerodinamiche, con un tesoretto spendibile nella disposizione della zavorra per arrivare al nuovo peso minimo, incrementato di 6 kg.

“Potreste guardare a questa stagione 2021 e pensare che sarà una trasposizione di quanto visto nel 2020. Non fatevi ingannare da chi racconta questa cosa, i regolamenti sono molto, molto diversi e il lavoro che abbiamo dovuto fare è stato ad ampio raggio e speriamo d’aver fatto abbastanza per restare vincenti”, dice Allison tradendo una specie di sorriso di chi conosce bene i numeri restituiti dalla galleria del vento.

“E’ stata una sfida, nelle settimane e mesi in cui sono stati definiti i regolamenti, provare a recuperare più prestazione possibile. Si è trattato di una corsa divertente in galleria e al CFD per provare a garantire il recupero di quanta più prestazione possibile”, dice il direttore tecnico.

Non solo aerodinamica, dove lo sviluppo nel 2021 vedrà Mercedes penalizzata nel numero di sessioni possibili in galleria e di dati simulati al CFD, in virtù del sistema a scalare introdotto e legato al piazzamento nel mondiale Costruttori.

McLaren e la PU Mercedes: MCL35M come un progetto nuovo

Peso minimo, il jolly della zavorra

C’è l’aspetto delle nuove gomme Pirelli, testate per pochi giri in due occasioni, sessioni di prove libere condotte con monoposto assettate per rendere al meglio in abbinamento a pneumatici decisamente diversi da quelli che si utilizzeranno dal prossimo marzo. “Queste gomme impattano sul modo in cui la macchina performa e il modo in cui devi progettare la piattaforma aerodinamica, nonché su come devi assettare la macchina. È stata una grande sfida estrarre i dati dai test dello scorso anno e fare il più possibile dai dati ottenuti e forniti dalla Pirelli. Saremo pronti a ottimizzare la macchina sulle nuove caratteristiche delle gomme.

Abbiamo dovuto decidere anche come impiegare il peso aggiuntivo. Nel 2020 siamo stati tra i team fortunati ad avere una macchina al di sotto del peso minimo e quando è stato incrementato per il 2021 nei 3 kg non legati alle gomme, la sfida è stata provare a capire come potevamo investire quei 3 kg per ottenere la massima prestazione”.

Hamilton e la forza di lasciare la McLaren: "Oggi avrei un solo titolo"

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi