Se fosse un ordine d'arrivo, sarebbe una corsa deludente, appena in zona punti con l'ottavo posto. Ma l'ordine d'arrivo non è quello stilato annualmente da Forbes, che vede Lewis Hamilton entrare per la seconda volta in carriera nel borsino degli atleti più pagati al mondo.

Mercedes, come nasce la strategia vincente su Hamilton in Spagna

Ottavo, con un miglioramento rispetto al decimo posto ottenuto nel 2017, quando si fermò in decima posizione. Fa specie registrare gli 82 milioni di dollari (67,9 milioni di euro) complessivamente guadagnati da Hamilton, secondo le stime Forbes, contro i 180 milioni di dollari (oltre 149 milioni di euro) del pugile Conor McGregor, oppure i 130 milioni di dollari (più di 107 milioni di euro) di Lionel Messi e i 120 milioni di dollari di Cristiano Ronaldo. Hamilton è l'unico pilota di Formula 1 presente in classifica.

Ingaggio, premi, bonus e sponsorizzazioni

La classifica stilata da Forbes considera i guadagni percepiti in 12 mesi, da maggio a maggio, suddivisi tra i compensi percepiti direttamente dal team (58 milioni di euro), composti dall'ingaggio base, i bonus eventualmente decisi dal contratto, i premi per le vittorie, e la quota di proventi percepiti dalle sponsorizzazioni. 

Lewis ha accordi con Tommy Hilfiger, Puma, Monster Energy, valutati da Forbes in 12 milioni di dollari (quasi 10 milioni di euro), cifra che comprende anche le partecipazioni a invito e retribuite, nonché i diritti di utilizzo del proprio nome, se previsti dai contratti col team.