Aggiustamenti in corso d'opera, se necessari, verranno apportati dopo la "prima". Introdotta come format sperimentale, verso la Qualifica sprint di Silverstone si va con un programma ben definito sul "cosa" e "quando". Sessioni di libere, una in meno - e un bel punto da sviluppare, su una pista impegnativa sulle gomme (leggi le regole ad hoc sull'utilizzo delle mescole) e l'introduzione della specifica Pirelli diversa nella costruzione posteriore -, turno di qualifica al venerdì, poi gara breve di 30 minuti al sabato e, domenica, il GP di Gran Bretagna.

Motori 2025, Horner: "Che siano divertenti, altrimenti tanto vale fare la F.E"

Masi, pronti a intervenire

In attesa che dal Consiglio mondiale del motorsport venga deliberata l'ultima revisione del regolamento sportivo, Michael Masi ha puntualizzato quello che sarà l'approccio della direzione gara nel primo week end del format inedito.

"Siamo assolutamente pronti a modificare le regole, se lo riterremo necessario. Siamo stati molto fortunati sul fatto che ci sia stato un approccio collaborativo sin da inizio anno. Abbiamo svolto molti incontri, coinvolgendo tutti i direttori sportivi, noi stessi, la FIA, la Formula 1, nel rifinire e sviluppare le cose, dare tempo per rileggere e scoprire i minimi dettagli", spiega a Motorsport.com.

Tempi e procedure ritagliati dal regolamento su un programma di week end ordinario dovranno essere adattati sulle diverse tempistiche imposte dalla gara sprint.

Restano interrogativi legati al funzionamento della fase di Parco Chiuso, ad esempio. "Tutti, a essere sincero, hanno avuto un approccio molto aperto sul fatto che potrebbero sorgere degli aspetti ai quali nessuno ha pensato, ma anche un'apertura tale che dopo il primo evento ci porterà a riesaminare internamente tutto e vedere cos'ha funzionato, cosa no e altre aree che richiedono un affinamento".

Da una procedura sperimentale qual è il nuovo format è logico che possa richiedere aggiustamenti in corsa, rivelare limiti dall'applicazione concreta e aiutare a trovare correttivi. Perlopiù sfumature da  "dietro le quinte" che non macro-anomalie del format.