Tre anni ancora di Biscione in Formula 1, un impegno che Jean Philippe Imparato ha confermato, da nuovo a.d. Alfa Romeo. Alla vigilia del GP di Gran Bretagna a Silverstone arriva l'ufficialità sulla partnership tra Alfa Romeo e Sauber, che apre a una nuova era tecnica del mondiale, dal 2022: un'opportunità per compiere un sostanziale passo in avanti, per dirla con Alfa Romeo.

Il team è al centro dei rumours di mercato tra le squadre di seconda fascia, per quanto riguarda la formazione piloti, tra un futuro di Raikkonen da definire e un sedile in "quota Ferrari" da assegnare. Il 2021, parola di Frederic Vasseur, ha prodotto una crescita notevole del team, al quale resta da colmare un deficit di prestazione in qualifica, diversamente da prestazioni in gara spesso superiori al rendimento sul giro secco. 

Le corse naturale habitat Alfa

Un percorso di crescita e sviluppo che accomuna l'impegno in Formula 1 con il rilancio sul fronte della produzione di serie, dove Alfa Romeo ha delineato un piano su 5 anni già finanziato. “Alfa Romeo è uno storico marchio automobilistco italiano, nato nelle competizioni.. Oggi siamo orgogliosi di continuare a onorare quel DNA sportivo mettendolo al centro del futuro del nostro marchio. Siamo guidati dalla passione e dall'eccellenza. La Formula Uno rappresenta un laboratorio all'avanguardia per l’imminente elettrificazione della nostra gamma, pienamente coerente con la nostra strategia per gli anni a venire. Inoltre, il Motorsport offre l’esposizione globale che intendiamo sfruttare appieno per costruire un futuro di successo", ha commentato l'a.d. Imparato.

Per Sauber Motorsport si dà continuità al rapporto avviato nel 2018, fortemente voluto da Sergio Marchionne e prospettato dodici mesi prima. 

Grandi progressi in arrivo

"Siamo lieti di annunciare il prolungamento di questa partnership. Alfa Romeo è stato un partner incredibile negli ultimi anni, e siamo ancora più entusiasti per quello che faremo ancora insieme. Le nuove norme ci  danno la possibilità di fare un ulteriore passo avanti e sono convinto che siamo nelle condizioni di fare grandi progressi insieme", dice Frederic Vasseur.

"Siamo impazienti di guardare insieme al futuro e di continuare a muoverci verso la parte alta della griglia. Questo rapporto è anche molto importante per la nostra azienda nel suo complesso, al di là della pista: il lavoro che abbiamo fatto in ambito automotive ha dimostrato la rilevanza delle competenze  tecnologiche e delle capacità produttive di Sauber Engineering e siamo fiduciosi di poter continuare a lavorare per Alfa Romeo su nuovi ed entusiasmanti progetti che daranno forma al futuro dell'industria automobilistica".