A Silverstone il miglior tempo del venerdì non era valso come una pole position ufficiale per le statistiche, per cui erano sei gare che Lewis Hamilton non si assicurava la partenza al palo. Per la prima volta da Barcellona, l'inglese della Mercedes scatterà davanti a tutti nel GP Ungheria, nel quale domani andrà in cerca del nono successo: si tratterebbe di un record storico, dal momento che mai nessuno si è imposto nove volte sulla stessa pista.

Verstappen: "4 decimi da Hamilton? Non è quello che volevamo"

Attenzione alla differenza di gomma al via

 
Domani lui e Bottas si avvieranno con le medie, mentre le due Red Bull in seconda fila attaccheranno grazie alla gomma morbida, e questa è la più grande preoccupazione in vista della gara: "E' stata una qualifica straordinaria - ha esordito Lewis -, un giro fantastico ed un lavoro di squadra incredibile da parte di tutti, compreso Valtteri. Stiamo cercando di far crescere la macchina con lo sviluppo, i ragazzi in fabbrica non stanno lasciando nulla di intentato, ed è stato bellissimo vedere tutti quanti spingersi a vicenda con l'aiuto reciproco. Gomme al via? C'è tanta strada fino alla prima curva, loro con le morbide possono guadagnare dei metri, sarà una bella battaglia. Sicuramente è positivo essere riusciti a monopolizzare la prima fila, ringrazio ancora tutti in fabbrica. Spero di avere bel tempo domani in modo che tutti possano godersi il sole, state tutti in sicurezza".
 
 

Lewis risponde ai fischi

 
Sugli spalti poi si è sentito qualche "buuu" di troppo, soprattutto dalle tribune colorate di arancione. Lewis a quelle persone ha risposto così: "Voglio dire a chi mi fischia che i buuu in realtà non raggiungono il loro obiettivo, perché mi danno ulteriore carica, quindi non mi dispiacciono".
 
Qualche numero per Lewis Hamilton; con questa pole è salito a quota 101 in carriera ed a quota 8 all'Hungaroring: si tratta di un record, perché lui, Schumacher e Senna erano già riusciti ad ottenere 8 pole sulla stessa pista (rispettivamente a Melbourne, Imola e Suzuka), ma Lewis è il primo a riuscirci su due circuiti differenti. Si tratta poi della decima prima fila in Ungheria, quinta pista su cui ci riesce dopo Montreal, Monza, Silverstone ed Abu Dhabi. Infine, il digiuno di sei gare era il più lungo da quello intercorso tra Hungaroring e Interlagos del 2019.