Un sorriso per Valtteri Bottas, che si aggiudica la Sprint Qualifying e relativi 3 punti. Per il finlandese della Mercedes statisticamente questa è una "pole position", ma buona solo per il palmares: domani Valtteri scatterà dal fondo per aver montato la quarta unità, lasciando così la prima posizione in griglia a Max Verstappen, 2° al termine della mini-gara davanti a Ricciardo, Norris ed Hamilton, 5° dopo aver sbagliato la partenza. Ferrari che chiude al 6° posto con Leclerc ed al 7° con Sainz. 
 

Hamilton parte male, Gasly subito ko

Partenza ottima per Bottas e da incubo per Hamilton, che si avvia male facendosi passare da Verstappen e poi risucchiare dalle due McLaren, le uniche tra i primi dieci ad azzardare la gomma morbida al via. Lewis rischia nell'imbuto della prima curva, dove avviene un contatto tra Ricciardo e Gasly: ha la peggio il francese che in Curva Grande perde completamente l'ala anteriore finendo nel muro esterno dopo la ghiaia e provocando la chiamata in causa della safety car. 

McLaren velocissime sul dritto

Tre giri dietro la vettura di sicurezza e poi bandiera verde, con Bottas a condurre davanti a Verstappen, Ricciardo, Norris, Hamilton, Leclerc, Sainz, Giovinazzi, Stroll e Perez, questa la top ten alla ripartenza. Nessun sorpasso nei primi metri eccetto quello di Alonso a Vettel per l'11° posto a Lesmo 1. Da subito Bottas mostra un ritmo superiore a tutti quanti, mettendo un cuscinetto di un paio di secondi di vantaggio nei confronti di Verstappen in modo da tenerlo fuori dalla zona Drs una volta attivata la possibilità di usare l'ala mobile. Più indietro duello tra Stroll e Perez vinto dal messicano, mentre Hamilton non riesce a superare le velocissime McLaren sul dritto, piantandosi alle spalle di Norris
 

"Pole" per Bottas, ma ride Verstappen

La qualifica sprint si protrae così un giro dopo l'altro senza altri scossoni fino alla bandiera a scacchi: Bottas vince, si garantisce la "pole" dal punto di vista statistico e porta a casa 3 punti, mentre Verstappen con il 2° posto ne prende 2 salendo a +5 su Hamilton, solo 5° dietro a Ricciardo e Norris. Dietro all'inglese della Mercedes le Ferrari di Leclerc e Sainz, quindi un bravissimo Giovinazzi, 8° dopo aver tenuto dietro Perez, quindi il messicano della Red Bull e Stroll, 10°. 

L'ordine d'arrivo