Haas 22, ottimismo Steiner: "Sviluppo positivo, torneremo nel gruppo"

Haas 22, ottimismo Steiner: "Sviluppo positivo, torneremo nel gruppo"© Getty Images

Il lavoro di Simone Resta e del gruppo di tecnici operativo dalla sede di Maranello procede. L'ambizione è di far compiere alla Haas un radicale salto in avanti nel 2022

Presente in

Fabiano Polimeni

29 ottobre

Da fanalino di coda a squadra in grado di correre a metà schieramento. Per Haas le ambizioni 2022 sono decisamente importanti. A supportarle, un 2021 dedicato totalmente al progetto della grande rivoluzione tecnica in arrivo. A Maranello, dov'è operativo l'ufficio tecnico diretto da Simone Resta, si lavora alle basi della macchina del prossimo anno.

"Lo sviluppo sta andando bene, stiamo facendo progressi a ogni sessione di galleria del vento", dichiara Guenther Steiner.

Una macchina all'altezza 

Dopo la bella qualifica di Mick Schumacher in Turchia, l'accesso in Q2 e, più in generale, un week end nel quale il team ha lavorato al meglio, Steiner ha individuato nell'ultimo tassello da mettere al proprio posto, nella monoposto, il pezzo mancante perché Haas torni a risultati dignitosi.

Leggi anche - Volkswagen e la Formula 1, si attende il via libera all'investimento

In quel metà gruppo al quale ambisce la lotta è parecchio serrata, entrare in top ten è una missione difficilissima al netto di gare particolari. Ferrari, McLaren, AphaTauri, Alpine, Aston Martin (leggi le novità cromatiche in arrivo): inserirsi in questa mischia appare un miraggio. La vicinanza operativa alla Ferrari può tornare a essere il valore aggiunto.

Fiducia nel satellite italiano

"Per me è un po' come la situazione nel 2015 o 2016, dire però quanto siamo messi bene, non ho idea. Non lo so perché non so quanto vadano bene gli altri 9 team. Noi lavoriamo nuovamente come fatto nel 2015, 2016 e 2017, con l'ufficio tecnico in Italia e sono cautamente ottimista che saremo di nuovo nel midfield il prossimo anno", dice Steiner, che evidenzia come al netto di un miglioramento sempre possibile, in ogni area, al netto della monoposto già oggi Haas versa in buona forma nelle operazioni generali.

Il sogno quinto posto

Una Haas 2022 competitiva perlomeno per confrontarsi con altre monoposto, che per misurarsi con Alfa Romeo, con Williams - considerando gli attuali valori in campo - darebbe anche a Schumacher e Mazepin un'opportunità di valutazione più completa.

"Penso che saremo pronti, abbiamo ancora molto personale dal 2018, anno in cui finimmo quinti nel mondiale. Quelle persone sono ancora capaci e non hanno dimenticato come si fa. Faccio affidamento a loro e sono fiducioso che riusciranno di nuovo a ottenere buoni risultati. Forse non finiremo quinti ma perlomeno puntiamo a tornare a metà gruppo, come ne 2016 e 2017".

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi