Mercedes e il pit di Hamilton: "Non c'era una scelta giusta"

Mercedes e il pit di Hamilton: "Non c'era una scelta giusta"© J.Krenek/Mercedes F1

Mike Elliott spiega le alternative a disposizione di Mercedes e le ragioni del confronto con Lewis: fare un secondo pit o restare in pista sotto SC, quale la scelta giusta a Miami?

Presente in

12 maggio

"Gli ingegneri hanno la visione complessiva della corsa" è la giustificazione solita che si porta a spiegare scelte strategiche, il più delle volte quando c'è divergenza di vedute tra pilota e muretto.

A Miami, quella visione non ha portato Mercedes a dettare una linea a Lewis Hamilton, interrogando il pilota sulla scelta se rientrare per cambiare gomme in regime di Safety Car o restare in pista. La replica di Lewis, in sintesi: ditemelo voi cosa devo fare.


Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi