Gara da dimenticare fin dal via per Ferrari, ma dopo i contatti che lo costringono a cambiare l'ala, Vettel recupera e finisce 4° salvando il salvabile: mantiene il comando del Mondiale per 12 punti su Hamilton che invece ha colto la sua 56esima vittoria in carriera. Una gara dominata davanti a Bottas giunto 2° a una ventina di secondi. Terzo gradino del podio per Ricciardo (+35"3) che ha corso in difesa soprattutto nel finale, con Vettel alle costole (6 decimi dietro) dopo il recupero in cui ha dovuto vedersela con le due Force India.

Gran gara anche per Perez e Ocon, giunti 5° e 6° a 4"5 da Vettel (incollati tra loro) dopo aver duellato lungamente tra loro e (via radio) con i box. Poteva essere della partita Raikkonen, ma problemi finali gli hanno permesso solo di difendere il 7° posto da Hulkenberg, dietro di 1"7. Doppiato ma bravo a punti "in casa" è Stroll, dopo che Massa è stato "silurato" al primo giro da Sainz per un contatto con Grosjean. Il francese della Haas è l'ultimo a punti approfittando del ritiro di Alonso (motore, c'è da dirlo?) sul finale, difendendosi da Palmer e Magnussen.

Insomma, una gara animata anche se non fortunata per Ferrari: vedremo se proseguirà al meglio in occasione del prossimo GP, quello a Baku tra due settimane.

GP del Canada: ordine di arrivo

Formula 1: la classifica generale

La cronaca "live" con Twitter

(introduzione e link a seguire in coda)

Introduzione

Partenza alle ore 20 italiane (le 14 locali) per il GP del Canada, settima prova del Mondiale F1 2017. 70 giri di gara che seguiremo dall'inizio alla fine con la nostra cronaca diretta, tramite il nostro canale Twitter specifico @autosprintLIVE.

Non è la prima volta quest'anno che troviamo in prima fila Hamilton (pole position) e Vettel, seguiti da Bottas e Raikkonen in seconda nonché dalle Red Bull in terza. Ma anche stavolta resta la suspence di una gara tutt'altro che definita a priori: in passato la Ferrari è scattata benissimo su questo tracciato di Montreal (4.361 metri) ma nel corso delle prove di partenza effettuate nel corso delle libere, Hamilton è sembrato aver messo bene a punto la procedura.

A parte il via, vedremo inoltre come si svolgerà la gara su un circuito che, grazie alle numerose forti staccate, offre più occasioni di sorpasso del solito e rende meno basilare (per quanto sempre importante) la posizione di partenza. Vedremo inoltre come verranno applicate le strategie dei cambi gomma, ricordando che la Pirelli ha messo a disposizione le mescole più morbide in gamma, vale a dire ultrasoft, supersoft e soft. Le previsioni dei tecnici Pirelli, che dopo le qualifiche hanno valutato in quasi 1 secondo al giro lo scarto tra le mescole, sono per una maggioranza di tattiche su una sola sosta. Forse anche in questo GP sarà determinante la rapidità con cui si riusciranno a mandare a regime soprattutto le gomme anteriori, e quindi non è detto che eventuali tattiche di undercut riescano a sortire l'effetto sperato.

Questi alcuni link utili per la gara a Montreal:
- i numeri e le curiosità della gara
- le scelte effettuate dalla Pirelli
- le caratteristiche del tracciato
- gli orari TV di tutte le fasi