Chi saranno i piloti dell'Hypercar Ferrari?

Chi saranno i piloti dell'Hypercar Ferrari?

Alla 24 Ore di Le Mans, Coletta ha fatto capire di prediligere nomi interni al Cavallino. Ecco le ipotesi, con un equipaggio clamoroso in caso di terza LMH per la Le Mans 2023

Diego Fundarò

14 giugno

L’attesa di vedere finalmente la Hypercar Ferrari cresce di pari passo con l’altrettanto forte curiosità di conoscere i nomi dei piloti che avranno il privilegio di condurla in corsa. Argomento che tiene sempre banco e sul quale vale la pena di tentare ipotesi che si basano su dati di fatto.

I nomi quasi certi

Come abbiamo già avuto modo di scrivere, Alessandro Pier Giuidi e James Calado rappresentano la continuità rispetto ai successi ottenuti nelle ultime stagioni in GTE-Pro e la loro presenza è praticamente certa; ma invece che continuare ad essere impiegati assieme, potrebbero anche essere separati e destinati al ruolo di capo equipaggio delle due vetture. Alessio Rovera e Nicklas Nielsen, dopo aver vinto praticamente tutto lo scorso anno assieme al gentleman Perrodo in GTE-Am, in questa stagione si stanno facendo le ossa in LMP2, esperienza che risulterà preziosa proprio in chiave LMH e la loro presenza sembra cosa certa. Antonio Fuoco, al secondo anno con Ferrari Competizioni GT, sta confermando le sue straordinarie doti di velocità e le recenti vittorie alla 12 Ore di Sebring e nella 1000 km del Paul Ricard hanno ulteriormente rafforzato una candidatura che peraltro era già molto forte. Il sesto uomo sembra sarà frutto del ballottaggio tra Miguel Molina, le cui prestazioni sono arrivate negli ultimi mesi ad un livello top, e Davide Rigon, instancabile nel suo lavoro al simulatore e tornato in grande forma dopo il brutto infortunio patito lo scorso anno alla 24 Ore di Spa.

Giovinazzi no, a meno che...

Le quotazioni di Antonio Giovinazzi appaiono invece in ribasso, visto il suo possibile ritorno in F.1 alla Haas. Ma il suo nome tiene invece banco nel caso della possibile iscrizione di una terza Hypercar esclusivamente per la 24 Ore di Le Mans. Sembra infatti ormai certo che il prossimo anno non vi sarà più la concomitanza in calendario con il GP di Baku e ciò apre uno scenario che appare molto di più di una semplice suggestione, con Leclerc e Sainz che andrebbero proprio ad affiancare Bon Giovi sulla terza Rossa. Non è infatti un mistero che Charles adori la 24 Ore di Le Mans e nel 2020 partecipò, come Giovinazzi, alla prima edizione della Virtual 24 Heures: una terza vettura con un equipaggio composto dai piloti di F.1 avrebbe un impatto clamoroso, sia per i fans del Cavallino, che per gli organizzatori della 24 Ore.

Leggi il servizio completo sul numero di Autosprint in edicola

Guarda anche


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi