In questa prima edizione iridata dell’Arctic Rally Finland nello shakedown disputato questa mattina sulla speciale di Vennivaara (5,69 km) a firmare il miglior tempo è stato l’ex campione del mondo Ott Tanak sulla Hyundai i20 che ha fatto segnare un crono di 2’35”4 precedendo il compagno di squadra Neuville (innevatosi nel secondo giro) di 7 decimi, seguono poi Katsuta (Toyota) a 4”4, Breen sulla terza Hyundai a 4”5, Rovanpera (Toyota) a 5”1 con il campione del mondo e leader del mondiale Sébastien Ogier solo ottavo sulla Yaris a 5”8.

“Sarà una gara aperta – ha dichiarato Tanak – in cui capiremo solo in prova speciale quanto siamo distanti dalle Toyota. E’ un rally che mi piace, ci sarà da divertirsi”. Ogier dal canto suo ha evidenziato che “questo è un rally nuovo in cui bisognava capire tutto da zero. Globalmente è davvero un bel percorso, un vero “winter rally”. La prima speciale mi piace ed è la più lenta, siamo coscienti che partire primi può essere o no per noi un vantaggio. C’era più freddo nei test, la temperatura è salita. Stasera sarà decisivo soprattutto il secondo passaggio in notturna, anche perché ci saranno le tracce lasciate dalle vetture nel primo giro”.

Infine interessante l’opinione del team principal Toyota Jari-Matti LatvalaIn questa gara – ha detto - è molto importante il set up per la conformazione delle strade, bisogna trovare il giusto compromesso tra la velocità e la tenuta di strada in curva”.

La gara

L’Arctic Rally Finland è composto da sole 10 prove speciali per complessivi 251,08 km cronometrati. La gara presenta un format molto compatto, la corsa vera e proprio inizia questo pomeriggio con la prima tappa di 62,10 km cronometrati che prevede due speciali, i due passaggi sui 31,05 km del crono di Sarriojarvi alle ore 14.08 e 17.08 italiane. Domani la seconda giornata è invece composta da 144,04 km cronometrati con tre speciali ripetute due volte, quelle di Mustalampi (24,43 km), Kalhuavaara (19,91 km) e Siikakama (27,68 km).