Il via bagnato sotto Safety Car è un orrore antico

È da venti stagioni che i padroni della F.1 vogliono ciò

12 luglio 2016

Ascolto e leggo da più parti un’interpretazione secondo cui la morte di Bianchi e la pesante causa intentata dalla di lui famiglia per accertare eventuali responsabilità, sarebbero le ragioni della paranoia di sicurezza che affligge la Formula 1 e, in definitiva, il vero motivo per cui i Gran Premi bagnati ormai partono prudenzialmente tutti sotto Safety-Car.

Mi spiace dirlo, ma le cose non stanno così. E non è questione di opinioni diverse, ma di fatti che posso tranquillamente dimostrare.

Già dal 2012 al 2014, nelle sole tre partenze bagnate avvenute - quando lo sfortunato Jules Bianchi era vivo e vegeto -, appunto due volte su tre ci si era avviati sott


Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi