Anche stavolta Lewis Hamilton è stato autore di un giro veloce in qualifica senza eccessi, sapendo amministrare il limite suo e della macchina con solo alcune piccole sbavature che non hanno minato la sua notevole prestazione, davvero meritevole della pole position in Cina. Lui la commenta così: «È stata una sessione dura oggi , ma mi è piaciuto molto . È sicuramente una sensazione piacevole finire con la pole position in queste condizioni di bagnato, perché la pista è molto scivolosa e hai bisogno di trovare il grip per ottenere un giro buono. La vettura era ottima e il team hanno fatto un lavoro fantastico questo weekend. I nostri avversari sembrano più vicini in condizioni di bagnato, quindi dovremo sperare che sia una gara asciutta per approfittare della posizione che abbiamo ottenuto. Andiamo in gara con un po' di incognite per via dei problemi di venerdì. Abbiamo fatto un sacco di modifiche alla macchina e non ho ancora avuto la possibilità di provare in condizioni di asciutto. Mi sentivo abbastanza bene sul bagnato, però, quindi sono fiducioso che possiamo convertire la nostra pole position in una forte prestazione in gara domani». A fine qualifiche Nico Rosberg ha subito ammesso con onestà di avere esagerato nei giri decisivi, con errori che gli sono costati cari, e poi puntualizza: «Oggi ho avuto due problemi, principalmente. Non ero del tutto soddisfatto del feeling con i freni, che ha provocato un bloccaggio facendomi andare fuori nel mio penultimo giro veloce. Poi nel mio giro cronometrato finale, ero mezzo secondo più veloce prima di entrare nell’ultima curva, ma il mio display sul volante ha detto che ero due decimi più lento. Così ho preso un grosso rischio e sono finito in testacoda perché ho ​​erroneamente pensato che non avevo niente da perdere comunque. Tuttavia , il quarto posto non è un disastro. Sono stato veloce venerdì nei turni di preparazione per la gara, quindi sono ancora fiducioso che c'è tutto da giocare per domani». Maurizio Voltini