Kimi Raikkonen rinuncia ai test di Silverstone. La forte contusione rimediata alla partenza del Gp di Gran Bretagna, domenica scorsa, ha convinto la Ferrari a lasciarlo a riposo. Ai test di questa settimana saliranno quindi sulla F14 T Pedro De la Rosa e Jules Bianchi, rispettivamente martedì 8 e mercoledì 9. Il programma di prove è stato di conseguenza leggermente modificato. Lo spagnolo si occuperà dello sviluppo delle gomme, mentre il francese della Marussia - pilota della Drivers’ Academy di Maranello - si occuperà di assetti e regolazioni. Raikkonen sarà regolarmente al via del Gp di Germania a Hockenheim, alla fine della prossima settimana. Gli accertamenti non hanno riscontrato fratture alla caviglia sinistra, che ha subito le conseguenze peggiori nell’impatto contro le barriere alla curva 5. «È un peccato per l’incidente - dice Iceman - perché il mio feeling con la monoposto era migliorato. Devo avere urtato un cordolo cercando di rientrare in pista. Ora voglio solo concentrarmi sulla prossima gara». L’incidente ha qualche similitudine con la rovinosa uscita di pista di Kimi durante i test invernali in Bahrain. Sembra che in condizioni critiche si inneschi una fortissima imbardata, un effetto-pendolo che il pilota non riesce a controllare. In casi come questi, l’unico “aiuto” che l’elettronica può dare è attraverso il differenziale. Niki Lauda ha criticato duramente la mossa di Kimi: «Ha fatto un errore, è andato troppo largo, ma che bisogno c’era di rientrare a tutto gas per poi andare a sbattere? Per fortuna non è successo niente - dice il capo della Mercedes - ma non era proprio necessario».