Rubens Barrichello, ex pilota della Ferrari e fino a poco tempo fa commentatore della tv brasiliana TV Globo, ha concluso il suo rapporto di collaborazione con l'emittente televisiva. O almeno così recita il comunicato della tv in cui si parla di chiusura “amichevole” del rapporto. Ma secondo Uol Esporte, e come altri media stanno riportando in questi giorni, i veri motivi dell'addio di Barrichello sarebbero altri. Secondo la testata brasiliana, l'ex pilota sarebbe stato licenziato per alcune violazioni alle regole interne. Per esempio pare che si sia rifiutato di citare, per motivi commerciali, la Red Bull usando in alternativa l'acronimo RBR, contravvenendo alle istruzioni dei suoi superiori. Non solo, pare che abbia anche “approfittato” del suo ruolo per proporsi a diversi team di Formula 1 e tornare in pista: sempre secondo la stampa brasiliana, Barrichello a Singapore avrebbe detto a Toto Wolff di sentirsi “pronto e in forma” per correre con la Mercedes, e in passato avrebbe provato a correre con la Sauber. Evidentemente non ha mai accettato il ruolo di “ex” pilota provando a rientrare in pista, soffrendo la lontananza dalle gare. Di fatto, però, a Singapore c'è stata la sua ultima apparizione come commentatore di TV Globo e il successivo contratto di chiusura della collaborazione, senza dare alcuna spiegazione. Anche Barrichello per ora non ha voluto commentare la vicenda.