Hirohide Hamashima lascia la Ferrari F1. Alla scuderia di Maranello continuano dunque i cambiamenti. Martedì era stata ufficializzata la partenza di Nikolas Tombazis e Pat Fry. Mercoledì è stata la volta del giapponese Hamashima, che dal 2012 ricopriva il ruolo di responsabile delle performance delle gomme. Insomma, la Ferrari è decisa a imprimere un cambiamento di rotta radicale  annunciato e fortemente voluto da Sergio Marchionne. Sempre di ieri era la conferma che la Direzione Tecnica è stata affidata a James Allison, a cui risponderanno due ingegneri italiani cresciuti nella Scuderia, il Chief Designer Simone Resta e il Direttore Power Unit Mattia Binotto, quest’ultimo coadiuvato tra gli altri da Lorenzo Sassi quale Chief Designer Power Unit. Le attività della Direzione di Ingegneria di Pista saranno gestite ad interim dallo stesso James Allison Sembra che all’uscita di Hamashima non ne seguiranno altre. I giochi, ormai, sono fatti. Per vedere quanto saranno produttivi bisognerà aspettare la prossima stagione.