Dopo la prima visita del dicembre scorso, con assaggio della sua nuova monoposto, Sebastian Vettel è tornato a Maranello. “Oggi, su specifica richiesta del Team Principal Maurizio Arrivabene, Sebastian Vettel ha visitato i reparti della Gestione Sportiva - recita il comunicato ufficiale diffuso dalla Scuderia -  Il quattro volte Campione del Mondo ha così approfondito la conoscenza delle persone con le quali lavorerà per tutta la stagione". Alla fine, selfie di gruppo con il tedesco in primo piano. Quando, il 13 marzo, Sebastian Vettel si calerà nell’abitacolo per le prime prove libere della stagione 2015 diventerà il quinto tedesco ad aver guidato ufficialmente una Ferrari. Prima di lui ci sono stati Michael Schumacher, che con la Scuderia ha disputato 180 Gran Premi vincendo cinque titoli mondiali e 72 gare. Da ricordare anche il contributo dato alla causa Ferrari da Wolfgang Von Trips, pilota che si avviava a conquistare il titolo mondiale nella stagione 1961 ma che rimase ucciso in un drammatico incidente sulla pista di Monza che costò la vita anche a 14 spettatori. Per lui 25 Gran Premi con la Ferrari con due vittorie. Meno importanti gli altri due nomi: Kurt Adolff, che corse il Gran Premio di Germania 1953 su una 166 della Ecurie Espadon (e fu costretto al ritiro) ed Hans Stuck padre, che prese parte alle qualifiche del Gran Premio d’Italia del 1952 su una 212, pure iscritta dalla Ecurie Espadon, ma non riuscì a centrare la qualificazione.
Quando, il 13 marzo, Sebastian Vettel si calerà nell’abitacolo per le prime prove libere della stagione 2015 diventerà il quinto tedesco ad aver guidato ufficialmente una Ferrari. Prima di lui ci sono stati il grande Michael Schumacher, che con la Scuderia ha disputato 180 Gran Premi vincendo cinque titoli mondiali e 72 gare. Da ricordare anche il significativo contributo dato alla causa Ferrari da Wolfgang Von Trips, pilota che si avviava a conquistare il titolo mondiale nella stagione 1961 ma che rimase ucciso in un drammatico incidente sulla pista di Monza che costò la vita anche a 14 spettatori. Per lui 25 Gran Premi con la Ferrari con due vittorie. Meno importanti gli altri due nomi: Kurt Adolff, che corse il Gran Premio di Germania 1953 su una 166 della Ecurie Espadon (e fu costretto al ritiro) ed Hans Stuck padre, che prese parte alle qualifiche del Gran Premio d’Italia del 1952 su una 212, pure iscritta dalla Ecurie Espadon, ma non riuscì a centrare la qualificazione. Bottino da incrementare. Sebastian è il quinto pilota ad arrivare a Maranello con dei titoli mondiali già vinti altrove. Come lui anche Schumacher, Juan Manuel Fangio, Fernando Alonso e Alain Prost: i primi due piloti nella loro avventura con la Scuderia Ferrari riuscirono ad incrementare il loro bottino di titoli. - See more at: http://formula1.ferrari.com/it/news/sebastian-quinto-vettel-il-tedesco-numero-5-di-maranello#sthash.4ZsslKRY.dpuf
Quando, il 13 marzo, Sebastian Vettel si calerà nell’abitacolo per le prime prove libere della stagione 2015 diventerà il quinto tedesco ad aver guidato ufficialmente una Ferrari. Prima di lui ci sono stati il grande Michael Schumacher, che con la Scuderia ha disputato 180 Gran Premi vincendo cinque titoli mondiali e 72 gare. Da ricordare anche il significativo contributo dato alla causa Ferrari da Wolfgang Von Trips, pilota che si avviava a conquistare il titolo mondiale nella stagione 1961 ma che rimase ucciso in un drammatico incidente sulla pista di Monza che costò la vita anche a 14 spettatori. Per lui 25 Gran Premi con la Ferrari con due vittorie. Meno importanti gli altri due nomi: Kurt Adolff, che corse il Gran Premio di Germania 1953 su una 166 della Ecurie Espadon (e fu costretto al ritiro) ed Hans Stuck padre, che prese parte alle qualifiche del Gran Premio d’Italia del 1952 su una 212, pure iscritta dalla Ecurie Espadon, ma non riuscì a centrare la qualificazione. Bottino da incrementare. Sebastian è il quinto pilota ad arrivare a Maranello con dei titoli mondiali già vinti altrove. Come lui anche Schumacher, Juan Manuel Fangio, Fernando Alonso e Alain Prost: i primi due piloti nella loro avventura con la Scuderia Ferrari riuscirono ad incrementare il loro bottino di titoli. - See more at: http://formula1.ferrari.com/it/news/sebastian-quinto-vettel-il-tedesco-numero-5-di-maranello#sthash.4ZsslKRY.dpuf
Quando, il 13 marzo, Sebastian Vettel si calerà nell’abitacolo per le prime prove libere della stagione 2015 diventerà il quinto tedesco ad aver guidato ufficialmente una Ferrari. Prima di lui ci sono stati il grande Michael Schumacher, che con la Scuderia ha disputato 180 Gran Premi vincendo cinque titoli mondiali e 72 gare. Da ricordare anche il significativo contributo dato alla causa Ferrari da Wolfgang Von Trips, pilota che si avviava a conquistare il titolo mondiale nella stagione 1961 ma che rimase ucciso in un drammatico incidente sulla pista di Monza che costò la vita anche a 14 spettatori. Per lui 25 Gran Premi con la Ferrari con due vittorie. Meno importanti gli altri due nomi: Kurt Adolff, che corse il Gran Premio di Germania 1953 su una 166 della Ecurie Espadon (e fu costretto al ritiro) ed Hans Stuck padre, che prese parte alle qualifiche del Gran Premio d’Italia del 1952 su una 212, pure iscritta dalla Ecurie Espadon, ma non riuscì a centrare la qualificazione. Bottino da incrementare. Sebastian è il quinto pilota ad arrivare a Maranello con dei titoli mondiali già vinti altrove. Come lui anche Schumacher, Juan Manuel Fangio, Fernando Alonso e Alain Prost: i primi due piloti nella loro avventura con la Scuderia Ferrari riuscirono ad incrementare il loro bottino di titoli. - See more at: http://formula1.ferrari.com/it/news/sebastian-quinto-vettel-il-tedesco-numero-5-di-maranello#sthash.4ZsslKRY.dpuf