Non nasconde la fiducia per il mondiale alle porte, Felipe Massa. Una Williams che ha chiuso il 2015 nel “limbo”, una sorta di terra di nessuno, troppo distante da Mercedes e Ferrari, con un certo margine sulla concorrenza alle spalle, salvo episodi sporadici nei quali si sono manifestate tutte le criticità della FW37. Una condizione che ha permesso al team di concentrarsi sul 2016 con ampio anticipo, resta però l’interrogativo su quanto grandi siano i miglioramenti ottenuti in fabbrica. «Abbiamo interrotto lo sviluppo con largo anticipo sulla fine del campionato per prepararci meglio, dovevamo migliorare parecchio la macchina per avvicinare un po’ Mercedes e anche la Ferrari, il team cresciuto maggiormente nel 2015. Dovevamo assicurarci uno sviluppo importante, ed è quel che spero sia accaduto, la squadra è molto fiduciosa. Osservando la macchina ho notato tante cose nuove», ha spiegato alla tv brasiliana Rede Globo. Punta a un ritorno alla vittoria difficile da concretizzare, affidandosi al lavoro dei tecnici costretti a lavorare con un budget di gran lunga inferiore non solo ai primi della classe, ma anche a Red Bull e McLaren: «Abbiamo lavorato bene e continuiamo con ancor più dedizione per avvicinarci e avere di nuovo la possibilità di vincere». In una scala di favoriti, non vede alcun motivo per cui non debba considerarsi ancora Mercedes la squadra da battere: «Non è cambiato nulla nei regolamenti e hanno sviluppato ancora la macchina. Speriamo che Mercedes sia un po’ meno forte dell’anno scorso e che gli altri riescano a lottare sullo stesso piano. In Williams puntiamo a ottenere il massimo, quale sarà è impossibile dirlo, sapremo dove siamo solo dopo la prima classifica dell’anno: noi abbiamo lavorato bene, sviluppo ed evoluzione del progetto sono sulla strada giusta». Fabiano Polimeni