A Sochi la prima parte di gara di Valtteri Bottas non è stata entusiasmante: al via Sainz ha avuto un ottimo scatto (tanto da andare a insidiare perfino Hamilton) superando il finlandese, che spiega: «In quella fase ho perso parecchio tempo, bloccato dietro a Carlos, anche perché stavo lottando con le gomme medie». Superato lo spagnolo al settimo giro, Valtteri non si è però trovato a suo agio, accumulando ulteriore ritardo che fortunatamente per lui è stato poi annullato dalle neutralizzazioni. Inoltre si è trovato ben più efficace nel secondo stint: «Una volta passato alle gomme soft, è andata molto meglio. Sono stato un po' sotto pressione dopo il riavvio da safety car, ma era tutto sotto controllo».

È stato però da quel momento che si è visto davvero l'impegno di Bottas, quando la seconda sosta di Leclerc gli ha dato la seconda posizione ma si è trovato nel mirino del monegasco. Per 22 giri il finlandese ha però tenuto in pugno la situazione, senza prestare il fianco a Leclerc né commettere errori significativi, il tutto mantenendo comunque un ritmo che l'ha tenuto sempre a circa 5 secondi dal vincitore Hamilton, consegnando così la "seconda parte" di doppietta a Mercedes.

«È davvero un buon risultato – conclude Bottasse pensiamo a quanto stavamo lottando ieri. La Ferrari ha avuto una macchina veloce per tutto il fine settimana, penso che siano stati anche più veloci oggi, quindi andare via con un 1-2 significa che abbiamo fatto un ottimo lavoro di squadra in tutte le altre aree. Sapevamo che sarebbe stato difficile ottenere questo risultato, ma possibile: abbiamo parlato di tutte le diverse strategie che ci avrebbero dato una possibilità questa mattina, e penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro come squadra oggi. È passato un po' di tempo dall'ultima volta che abbiamo segnato una doppietta ed è davvero bello salire di nuovo sul podio insieme. È davvero incoraggiante e motivante per l'intero team».