A Suzuka finisce 2 a 1 la partita Renault-Racing Point. Ricciardo e Hulkenberg in zona punti, Perez classificato 9° per la bandiera data un giro prima del previsto e dell’incidente nel GP del Giappone. A tenere banco, però, è la protesta formale avanzata dal team diretto da Otmar Szafnauer contro la squadra francese.

Al centro del contendere, la presunta irregolarità legata alla gestione della ripartizione di frenata sulle RS18, secondo Racing Point predefinita, in funzione della posizione della monoposto sul circuito.

L'ANALISI SU VOLANTI ED ELETTRONICA

Al termine del Gran Premio, le centraline standard fornite dalla FIA e i volanti delle monoposto di Ricciardo e Hulkenberg sono stati sigillati e presi in carico dagli uomini della Federazione. Verranno sottoposti agli esami del dipartimento tecnico della FIA, che produrranno un report sull’hardware, il software e i dati analizzati, documentazione successivamente da destinare ai commissari del Gran Premio del Giappone.

UN REPORT NON DELL'ULTIMA ORA

I tempi tecnici di tale percorso restano ancora incerti, vista la complessità dell’analisi. Dall’ambiente Renault, il commento a margine della protesta depositata da Racing Point è giunto su Twitter: “Il team Renault è a conoscenza della protesta avanzata da Racing Point dopo il GP del Giappone, relativamente al sistema di ripartizione della frenata.

GP Giappone, l'analisi GP: conta la gara, non le qualifiche

I rappresentanti del team hanno incontrato i commissari dell’evento a Suzuka, però per la complessità del dossier di 12 pagine preparato da Racing Point, si terrà un ulteriore incontro in una futura data da definire.

Il team Renault intende utilizzare questo intervallo di tempo per preparare argomenti ugualmente dettagliati a difesa della propria posizione”.

COSTRUTTORI ANCORA IN BALLO

Il punto tecnico del contendere è nell’utilizzo di una ripartizione della frenata di fatto automatizzata, curva su curva, che andrebbe a sostituire l’intervento manuale del pilota.

Leggi anche: Vettel: "Non male il secondo posto

La protesta di Racing Point arriva in un rush finale del campionato nel quale c’è ancora in ballo la quinta posizione nel mondiale Costruttori, piazzamento attualmente occupato da Renault con 77 punti, davanti ai 59 di Toro Rosso e i 54 punti di Racing Point, settima.