In attesa di capire le sorti delle mescole 2020, se verranno o meno proposte per un secondo assaggio nel venerdì del GP del Brasile, prima dei test di Abu Dhabi, Pirelli rivela le scelte operate dai team nella ripartizione dei set.

A Interlagos sarà l’offerta più dura a scendere in pista, su un circuito dagli elevati carichi laterali e impegnativo specialmente sulla gomma posteriore destra.

Il rendimento della gomma dura C1 potrà essere verificato al venerdì da Bottas, l’unico ad avere due treni a disposizione tra le squadre di vertice, mentre in Ferrari e Red Bull le valutazioni arriveranno per simulazione, rispetto al rendimento della gomma media C2.

Leggi anche: Gomme Pirelli, le 2020 non convincono i team

Scelte in gran parte allineate nel preferire quasi il numero massimo possibile di treni di C3, 10 per Ferrari e Red Bull, diversa la scelta Mercedes, con 8 set e 4 di medie C2 per Hamilton.

I treni di gomme disponibili

Nelle ultime edizioni, il GP del Brasile si è disputato su una strategia a singolo pit-stop e, vista la nomination tendenzialmente uno step più dura rispetto alla proposta Media, Soft e Supersoft del 2018, il copione dovrebbe essere confermato. Piuttosto variabile, invece, è stato lo scenario nell'alternanza delle mescole lo scorso anno.

Leggi anche: Brawn, difficoltà Ferrari nella gestione delle gomme

Con l’incognita meteo da monitorare. Se Austin ha proposto un week end asciutto ma temperature ambientali rigide al venerdì, San Paolo riserva spesso la visita della pioggia su Interlagos in questo periodo dell’anno.